Come investire nel barile di petrolio?

0
569

Il prezzo del petrolio si va costantemente impennando. Le turbolenze e le rivolte del mondo arabo, luogo dove il petrolio si estrae e luogo lungo il quale comunque transita, stanno solo mettendo in evidenza un trend che è destinato ad accelerare. Il problema è che con l’arrivo sullo scenario dei paesi emergenti centinaia di migliaia, se non milioni dipersone ogni anno reclamano consumi energetici che sinora non li avevano interessati. Basti pensare allo sterminato continente cinese, o al subcontinente indiano e alla sua probabile motorizzazione. D’altronde non si capisce perché un occidentale debba consumare 100 barili di petrolio in media ed un cinese solo tre. Il punto è che questa tendenza creerà sempre più tensioni, sempre più frizioni politiche, sempre più strategie con possibili esiti conflittuali. E’ovvio che questo scenario comporta rischi ma anche opportunità per gli investitori. Gli operatori del settore petrolifero, alla luce di questa tendenza, sembrerebbero essere i naturali destinatari di un investimento. Eppure le cose non sono così semplici o scontate. I rischi di provocare disastri naturali, come è accaduto con British Petroleum, sono dietro l’angolo. I rischi che una compagnia petrolifera venga nazionalizzata, che un cambio di regime (evento oggi più probabile che mai) possa mutare i contratti, le concessioni e le modalità con cui la compagnia opera sono estremamente elevati. Inoltre oggi con il rarefarsi del petrolio a basso costo, le società del settore devono investire somme sempre più rilevanti, nell’ordine dei miliardi di euro, per arrivare a chilometri di profondità e far sgorgare il prezioso oro nero. E’ovvio quindi che l’appetibile prospettiva di investire i propri risparmi in un settore dalle potenzialità enormi ,come quello energetico e petrolifero, nello specifico deve essere contemperata da questi ulteriori ragionamenti. Ciononostante non sarebbe una buona politica non esere presenti, sia pure con mille accortezze, in questo comparto. Come sempre però occorre tenere sotto controllo i rischi. Anziché puntare su un solo titolo (esposto a mille oscillazioni e singolarità) una buona scelta può essere quello di puntare su fondi a basso costo che sintetizzano un indice o un paniere di titoli. Un esempio sono gli Etf di settore, magari denominati in euro per non dover subire anche i rischi di oscillazioni del cambio.Si tratta forse della soluzione più economica e probabilmente meno rischiosa per destinare una quota dei propri risparmi al barile di petrolio e alla sterminata fetta di economia mondiale che sempre di più ruoterà intorno ad essa. (Pietro Colagiovanni)