Giornate Nazionali delle Guide Ambientali Escursionistiche/ i luoghi di Dante, Leopardi e Verga

0
58

Galli: “L’Italia dei poeti, scrittori e pittori. In Emilia – Romagna la cascata citata da Dante nel XVI Canto dell’Inferno. E’ ancora lì e la vedremo da vicino. In Lombardia nel 1930 fu progettato il grande giardino dedicato al sommo poeta latino Virgilio. Noi visiteremo i suoi luoghi anche ad Andes. Nelle Marche le Vie Leopardiane con il Colle dell’Infinito.  In Sicilia andremo alla scoperta dei luoghi descritti nel romanzo “Storia di una capinera”, il monte Ilice e l’antica masseria utilizzata come location del film di Franco Zeffirelli. In Piemonte i luoghi e le terre del pittore Pellizza da Volpedo. In Italia oggi i luoghi di Dante, Leopardi, Virgilio, Verga rappresentano mete importanti del turismo escursionistico”.

Al via le Giornate Nazionali delle Guide Ambientali Escursionistiche. Ben 150 eventi gratuiti. Si inizierà il 24 Maggio in occasione della Giornata Europea dei Parchi. Si concluderanno il 2 Giugno per la Festa della Repubblica e la Giornata dei Piccoli Borghi. Info e programmi: www.aigae.org

“Con le Giornate Nazionali delle Guide Ambientali Escursionistiche si visiteranno i luoghi descritti dai grandi poeti. Vedremo ad esempio la cascata di Dante. L’Acquacheta  è una famosa cascata, citata anche dal “sommo poeta”Dante Alighieri nel XVI Canto dell’Inferno: “Come quel fiume c’ha proprio cammino prima dal Monte Viso ‘nver’ levante, da la sinistra costa d’Apennino, che si chiama Acquacheta suso, avante che si divalli giù nel basso letto, e a Forlì di quel nome è vacante, rimbomba là sovra San Benedetto de l’Alpe per cadere ad una scesa ove dovea per mille esser recetto; così, giù d’una ripa discoscesa, trovammo risonar quell’acqua tinta, sì che ‘n poc’ora avria l’orecchia offesa”. La cascata dell’Acquacheta è oggi meta di turismo, sia per il valore letterario del luogo, sia per il suo valore naturalistico”.  Lo ha annunciato Davide Galli, Presidente Nazionale delle Guide Ambientali Escursionistiche AIGAE.

La Cascata del XVI Canto dell’Inferno – la vedremo!

“Acquacheta è un corso d’acqua tosco – romagnolo, affluente del fiume Montone, che nasce sull’Appennino toscano nei pressi del monte Lavane nel comune di San Godenzo, in Toscana. Poco prima di passare per  San Benedetto in Alpe,  in provincia di Forlì-Cesena, dove unendosi al Troncalosso forma il Montone, precipita in modo spettacolare da un alto salto di arenaria – ha proseguito Galli –  dividendosi in mille, rumorosi rivoli. L’altezza del salto più alto delle cascate è di circa 90 metri. Si tratta, dunque, di una delle maggiori cascate di tutto l’Appennino Settentrionale. Siamo nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna”.  

In tutta Italia, in ogni angolo. Ben 150 eventi.

“Ben 150 escursioni ed eventi in tutta Italia. Dal 24 Maggio al via le Giornate Nazionali delle Guide Ambientali Escursionistiche quarta edizione. Come nel 2018 anche nel 2019 le Giornate si svolgeranno nell’ambito dellaPrimavera della Mobilità Dolce, in collaborazione con Legambiente, A.Mo.Do, l’Alleanza per la Mobilità Dolceche raggruppa in Italia le più importanti associazioni e i più importanti organismi ed Enti che sono parte attiva del Turismo Ambientale. Le Giornate che inizieranno il 24 Maggio in occasione della Giornata Europea dei Parchi e che si concluderanno il 2 Giugno nel giorno della Festa della Repubblica – ha proseguito Davide Galli – ma ancheGiornata Nazionale dei Piccoli Borghi organizzata da Legambiente, faranno parte del programme di iniziative della Primavera della Mobilità Dolce, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, del Ministero dei Beni Culturali, dell’ANCI, l’Associazione Nazionale Comuni Italiani, dell’Associazione Trasporti, della Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane, della Via Francigena European Association”.

La quarta edizione dopo ben tre grandi successi. Vedremo l’Italia, panorami, siti, meraviglie ambientali descritte da poeti e scrittori.  

Virgilio in Lombardia con il sommo poeta latino.

“In Emilia – Romagna una grande opportunità: la cascata di Dante Alighieri.   Percorreremo un meraviglioso sentiero – natura degno di questo nome. Anche Dante era affascinato da tale bellezza. In Lombardia nel 1930, l’architetto Giuseppe Rodaprogettò un grande giardino in omaggio alla figura latina di Virgilio. Lo visiteremo a Mantova, in occasione delle Giornate Nazionali delle Guide Ambientali Escursionistiche. Il giardino venne creato in occasione del bimillenario della nascita del sommo poeta latino e l’intenzione era quella di creare uno spazio dedicato al tempo libero.  Procederemo attraverso la Riserva Naturale della Vallazza – ha continuato Galli –  passando a fianco del Forte Franco-Austriaco di Pietole, straordinario esempio di genio militare e infine ad Andes, dove la tradizione colloca il villaggio natale del poeta. Attraverso alcune stradine di campagna proseguiremo poi per il Forcello, una grande area archeologica che ha permesso il rinvenimento di un abitato etrusco del VI sec. a.C. Rientro per la stessa strada. Andes è una frazione del Comune di Virgilio ed è il luogo di nascita del poeta latino Virgilio,  che lì possedeva le terre di famiglia; è bagnata dal fiume Mincio. Risale all’epoca romana l’origine del nome Andes e la frazione è tornata recentemente a chiamarsi così dopo che per anni era stata ribattezzata in Pietole. Prima dell’arrivo di Napoleone, Andes si trovava vicino alle sponde del Mincio; aveva una pieve romanica circondata da un gruppo di case.

Napoleone Bonaparte la rase al suolo per costruire il forte militare, ancora esistente, il quale servì prima ai francesi e poi agli austriaci che completarono la costruzione napoleonica. Tale Forte rappresenta un’architettura militare ben conservata ed interessante”.

Leopardi nelle Marche.

“Nella giornata inaugurale saremo, al tramonto, lungo il sentiero ed i luoghi di Giacomo Leopardi. Le strade Leopardiane oggi rappresentano un’altra meta turistica importante.   Andremo alla scoperta di luoghi poco conosciuti a due passi dalla Città Natale di Giacomo Leopardi: Recanati. Partiremo con una visita esterna al Bosco di Villa Koch – ha continuato Galli –  con esemplari di alberi monumentali e specie relitte, attraverso strade bianche o poco trafficate saliremo su dolci colline fino ad un affaccio suggestivo da una delle strade di crinale più belle dei dintorni. “Sempre caro mi fu quest’ermo colle, e questa siepe, che da tanta parte dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.” Il colle dell’Infinito di Leopardi era la meta delle passeggiate di Leopardi che riusciva ad accedervi tramite il giardino di casa e l’orto del convento di Santo Stefano. Queste colline saranno protagoniste delle Giornate”.

In Sicilia nei luoghi di Giovanni Verga, oggi punti di partenza per l’escursionismo. Saremo sull’Etna.

 Anche i luoghi del Verga oggi sono mete turistiche in Sicilia.  Andremo alla scoperta dei luoghi descritti nel romanzo “Storia di una capinera”, il monte Ilice e l’antica masseria utilizzata come location del film di Franco Zeffirelli, oggi punto base per l’escursionismo del Parco dell’Etna. “Tu non sei mai stata a Monte Ilice […]. Bisognava venire qui in campagna, fra i monti, ove per andare all’abitazione più vicina bisogna correre per le vigne, saltar fossati, scavalcar muricciuoli, ove non si ode né rumor di carrozze, né suon di campane, né voci di estranei, di gente indifferente. Questa è campagna!”. La protagonista diStoria di una CapineraMaria lascia  Catania insieme ai familiari per sfuggire ad un’epidemia di colera – ha proseguito Galli–  e si rifugia nella villa padronale di famiglia sul monte Ilice. Percorreremo l’intera circonferenza del bordo del cratere e potremo ammirare il panorama suggestivo della campagna etnea che spazia da Taormina fino al golfo catanese. L’escursione offrirà un insolito scorcio dell’Etna, dove i boschi di leccio e di castagno si alternano ai frutteti ed ai vigneti che le sapienti mani dei contadini hanno impiantato nel corso dei secoli”.

In Piemonte sulle tracce del pittore Pellizza da Volpedo

“Durante le Giornate Nazionali delle Guide Ambientali Escursionistiche partendo da Volpedo seguiremo il sentiero “La montà del Bogino”. Attraverseremo insieme quelle che furono le proprietà della famiglia Pellizza e lungo il percorso scopriremo altri luoghi amati dal pittore camminando fra vigneti, boschi e coltivi – ha dichiarato Galli – immergendoci nella natura agreste dei colli volpedesi. A seguire, per chi lo desidera, aperitivo presso il Mercato Biologico di Volpedo a cura dei produttori del mercato. Giuseppe Pellizza nacque a Volpedo nel 1868 e morì a Volpedo nel 1907, autore del celeberrimo “Il quarto stato”, esposto al Museo del Novecento di Milano”.

I luoghi descritti in romanzi ma anche dai poeti e dai pittori.

“Oggi questi luoghi in Italia – ha concluso Davide Galli – stanno rappresentando mete importanti per il turismo escursionistico. Ad esempio i paesaggi di Leonardo ma basti pensare anche alla pittura veneta e toscana dell’Ottocento e del Novecento. Paesaggi che sono stati raccontati, descritti e citati anche da pittori, scrittori e poeti internazionali. Il nostro Paese detiene gran parte del patrimonio ambientale, naturalistico, culturale, storico ed artistico esistente nel Mondo. Le Giornate Nazionali delle Guide Ambientali Escursionistiche per questo motivo rappresentano un evento raro in Italia e nel Mondo, in quanto mettono insieme patrimonio ambientale, naturalistico, culturale, storico ed artistico. E’ importante conoscerlo e per farlo partecipiamo alle Giornate che vedranno sul territorio tantissime Guide Ambientali Escursionistiche pronte ad emozionare e a raccontare con la costanza e l’amore che mettono ogni giorno”.

Emilia – Romagna – la Cascata di Dante

CamminaNatura: UN POMERIGGIO ALLE CASCATE DELL’ACQUACHETA – 01.06.2019

Programma: Andremo a camminare lungo il torrente Acquacheta ed andremo ad ammirare le sue cascate, che nel punto più alto presentano 90 metri di altezza. Percorreremo un meraviglioso sentiero natura degno di questo nome. Anche Dante era affascinato da tale bellezza.

Lombardia – Bosco Virgiliano e Andes

#CamminaNatura: DAL BOSCO VIRGILIANO AL PARCO ARCHEOLOGICO DEL FORCELLO – 25.05.2019 – Lombardia

Programma: dal Bosco Virgiliano, un grande giardino pubblico, progettato nel 1930 dall’architetto Giuseppe Roda in omaggio alla figura latina di Virgilio, procederemo attraverso la Riserva Naturale della Vallazza passando a fianco del Forte Franco-Austriaco di Pietole, straordinario esempio di genio militare e infine ad Andes, dove la tradizione colloca il villaggio natale del poeta. Attraverso alcune stradine di campagna proseguiremo poi per il Forcello, una grande area archeologica che ha permesso il rinvenimento di un abitato etrusco del VI sec. a.C. Rientro per la stessa strada.

 Marche – al tramonto sulle Vie Leopardiane – il Colle dell’Infinito

 #CamminaNatura: ESCURSIONE AL TRAMONTO LUNGO LE STRADE LEOPARDIANE – 24.05.2019 – Recanati –  Marche

Programma: andremo alla scoperta di luoghi poco conosciuti a due passi dalla Città Natale di Giacomo Leopardi: Recanati. Partiremo con una visita esterna al Bosco di Villa Koch, con esemplari di alberi monumentali e specie relitte, attraverso strade bianche o poco trafficate saliremo su dolci colline fino ad un affaccio suggestivo da una delle strade di crinale più belle dei dintorni.

Piemonte – le terre del pittore Pellizza da Volpedo

#CamminaNatura: SULLE TRACCE DI PELLIZZA DA VOLPEDO- 1.06.2019- Piemonte

Programma: Partendo da Volpedo seguiremo il sentiero “La montà del Bogino”. Attraverseremo insieme quelle che furono le proprietà della famiglia Pellizza e lungo il percorso scopriremo altri luoghi amati dal pittore camminando fra vigneti, boschi e coltivi, immergendoci nella natura agreste dei colli volpedesi. A seguire, per chi lo desidera, aperitivo presso il Mercato Biologico di Volpedo a cura dei produttori del mercato.

Sicilia – i luoghi di “Storia di una capinera” – i luoghi di Giovanni Verga

CamminaNatura: SULLE TRACCE DI VERGA A MONTE ILICE- 25.05.2019 – Trecastagni

Programma: alla scoperta dei luoghi descritti da Giovanni Verga nel romanzo “Storia di una capinera”, il monte Ilice e l’antica masseria utilizzata come location del film di Franco Zeffirelli, oggi punto base per l’escursionismo del Parco dell’Etna. Percorreremo l’intera circonferenza del bordo del cratere e potremo ammirare il panorama suggestivo della campagna etnea che spazia da Taormina fino al golfo catanese.
L’escursione offre un insolito scorcio dell’Etna, dove i boschi di leccio e di castagno si alternano ai frutteti ed ai vigneti che le sapienti mani dei contadini hanno impiantato nel corso dei secoli.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here