Coronavirus, per i nuovi farmaci dovranno passare due anni

0
10

E’ ancora lunga la strada che porterà ad un nuovo farmaco specifico per combattere il Covid-19; intanto si utilizzeranno quelli in uso, che in alcuni casi stanno dando anche risultati positivi. E’ la tesi del dott.Magrini, direttore generale dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) in un’intervista a Radio Capital
“Per il farmaco almeno 2 anni, ci sono risultati promettenti dagli anticorpi monoclonali”afferma.
“Il processo di scoperta e validazione di un farmaco è lungo, almeno di un paio d’anni. Pensiamo al nuovo monoclonale scoperto dagli olandesi di cui si parlava la settimana scorsa: loro non inizieranno la sperimentazione sull’uomo prima di un anno e i dati definitivi non ci saranno prima di 24-28 mesi”
Anticorpi su cui, sottolinea Magrini, “abbiamo già approvato quattro studi. Ieri sono stati approvati altri due studi, altri due sono in valutazione oggi”.

(foto di repertorio)