Turismo/ Valorizzziamo i ‘borghi-fantasma’

0
10

Comunicato Stampa
Miccio: “Facciamo di questa tegola un’opportunità. Cominciamo a fare turismo “upside down”. In Italia esistono numerosi borghi fantasma dove è possibile trascorrere qualche ora con il silenzio e la natura”.
Marrazzo (ASMEL nazionale): “Cancellazioni variano dal 40 al 70%. Da noi non c’è peste di manzoniana memoria, non siamo gli untori del mondo, ma il Paese di Leonardo, Raffaello, Michelangelo e dell’archeologia, della natura ”.
“Noi non siamo gli untori del Mondo. Anzi nella nostra Italia oltre ad un Sistema Nazionale Sanitario vera eccellenza abbiamo anche un meraviglioso sistema Museale di Beni Culturali, di Parchi Nazionali e Regionali all’aria aperta. E’ l’Italia della bellezza ben terza al mondo per numero di Geoparchi con ricchezza geologica, patrimonio ambientale unico, Aree Marine Protette. Abbiamo tutto il bello che si possa avere. Noi ci siamo. Siamo pronti a fare la nostra parte. Questo è il momento di visitare, magari da soli i posti dimenticati e fantastici. In Italia esistono numerosi borghi fantasma dove è possibile trascorrere qualche ora con il silenzio e la natura. Facciamo di questa tegola un’opportunità.
Cominciamo a fare turismo “upside down”. Lasciamo per qualche giorno le città super affollate e visitiamo parchi all’aria aperta, passeggiamo su spiagge deserte. Quale migliore occasione per fermarsi, riflettere e guardare il nostro patrimonio ambientale? Andiamo lungo i sentieri appenninici e nelle calette delle nostre isole e peninsulari o sulle spiagge delle nostre coste, ben 7500 Km, incontreremo poche persone ma tanta natura. Ed Hemingway scriveva: “il coraggio è la grazia sotto pressione”. Apriamo finestre e balconi ed ammiriamo quanto abbiamo perché da noi il bello è dietro casa. Noi siamo l’Italia, la Patria del bello, dei paesaggi di Leonardo, Raffaello e non solo ed allora guardiamoli, ora!”.

Lo ha affermato Antonino Miccio, Vice Presidente Nazionale dell’Associazione Italiana dei Direttori delle Aree Protette d’Italia. Cari americani, europei, asiatici, l’Italia è pronta ad accogliervi. L’Associazione per la Sussidiarietà e la Modernizzazione degli Enti che raggruppa ben 3.010. comuni (ASMEL):
“In questo momento registriamo circa un calo del 40% di prenotazioni con cancellazioni che in alcune aree del Paese stanno raggiungendo anche il 70%. Le aree piu’ sofferenti sembrerebbero essere quelle interne. Ma non ci fermiamo, l’Italia pensa ad accogliere. Appena sarà possibile – ha affermato Vincenzo Marrazzo, Presidente del Partenariato Nazionale sul Turismo dell’Asmel – l’Italia è già pronta ad accogliervi tutti. Roma è sempre risorta anche dopo razzie e saccheggi, l’Italia è sempre rinata anche dopo pesanti bombardamenti e guerre. Da noi non c’è peste di manzoniana memoria, non siamo gli untori del mondo ma invece abbiamo pensato a mettere in sicurezza il sistema Italia. Sarà proprio perché il migliore Servizio Sanitario Nazionale riesce a curare tutti e lo sta dimostrando in queste ore che, lo scorso anno abbiamo superato 400 milioni di presenze. Non siamo gli untori del mondo ma il Paese di Michelangelo, Raffaello, Dante, Boccaccio, Leonardo, Piero della Francesca, Leopardi, Pascoli, Puccini, Rossini, Verdi, Mascagni, Vivaldi, Vanvitelli ed è impossibile citarne ancora tanti altri. Siamo il Paese che in queste ore ha attivato su tutto il territorio nazionale il sistema di didattica a distanza per dare l’opportunità ai propri ragazzi, alla generazione del domani di informarsi, avere conoscenza, non perdere lezioni e credere nel futuro, siamo il Paese che si unisce, siamo il Paese delle imprese che investono nei vostri Paesi.
E’ l’Italia il Paese piu’ amato e lo dice la storia con le numerose dominazioni di popoli alla ricerca di terre fertili ai piedi di vulcani, della tranquillità appenninica e dei colori costieri. Siamo il Paese che vi ama e che crede in voi come persone. Siamo il paese del turismo di qualità, meta turistica piu’ desiderata, la terza potenza mondiale del Turismo, siamo il Paese che detiene il maggior numero di Siti riconosciuti dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, da Ivrea “Città Industriale del Ventesimo Secolo” alla Palermo Arabo – Normanna con le sue Cattedrali ed in mezzo ci sono tante e straordinarie località tutte per voi, siamo il Terzo Paese al Mondo, il Secondo in Europa per presenza di Geoparchi sempre Unesco. Aspettateci e verrete”.
Antonino Miccio – Vice Presidente Nazionale Direttori Aree Protette Italiane
Vincenzo Marrazzo – Presidente Partenariato Turismo Nazionale ASMEL