Home Blog

Bando di Concorso per 800 cancellieri in Gazzetta Ufficiale

0

Gli aspiranti cancellieri che vogliono partecipare al concorso per 800 posti a tempo indeterminato nei tribunali devono essere in possesso dei seguenti requisiti:
1) diploma di istruzione secondaria di secondo grado quinquennale o altro diploma dichiarato equipollente o equivalente dalle competenti autorita’, oppure titolo di studio superiore, riconosciuto

Rapporto Ue: “467mila morti premature all’anno in Europa per lo smog”

0

I primi dati di “Qualità dell’aria in Europa 2016”, pubblicato stamattina dall’Agenzia europea per l’ambiente (Aea). “Ma la qualità dell’aria sta migliorando” www.repubblica.it

NONSTANTE la qualità dell’aria in Europa stia migliorando, l’inquinamento atmosferico resta il principale fattore ambientale di rischio per la salute umana, abbassa la qualità della vita ed è la causa stimata di 467mila morti premature l’anno in tutto il continente.

Pubblicato il bando di concorso per 360 magistrati

0
Bandi e Concorsi

Con decreto ministeriale del 22 ottobre 2015, il Ministero della Giustizia ha bandito il Concorso per 350 posti di magistrato ordinario. Il bando è uscito in Gazzetta Ufficiale (n. 90 del 20 novembre 2015 – 4a serie speciale – concorsi ed esami). Per presentare domanda c’è tempo fino al 21 dicembre 2015, alle ore 23:59.

Referendum, Financial Times: “Italia fuori dall’euro se vince il No”

0

I grandi giornali finanziari internazionali guardano con preoccupazione all’esito della consultazione del 4 dicembre

MONICA RUBINO www.repubblica.it

Lo dicono gli esperti di Bloomberg e lo sottolinea il giapponese Norihiro Fujito, senior investment strategist presso Mitsubishi UFJ Morgan Stanley Securities: il referendum costituzionale italiano del 4 dicembre, accanto al prossimo vertice Opec (i Paesi produttori di petrolio), sarà uno degli snodi fondamentali per capire l’umore dei mercati internazionali nei prossimi mesi.

Campobasso: al via il corso di formazione per Esperto Contabile

0

Sono aperte le iscrizioni per la prima edizione del corso di formazione in ESPERTO CONTABILE, riconosciuto dalla Regione Molise con il rilascio di certificazione di competenza. Il corso avrà la durata di 152 ore complessive. Per informazioni ed iscrizioni telefonare allo 0874/418684  oppure inviare una mail a terminusformazione@gmail.com.

 
allegato:
SCHEDA ESPERTO CONTABILE
progranma corso esperto contabile

Corsi di formazione per barman: prezzo speciale!

0

  Sono aperte le iscrizioni al corso  Barman ad un prezzo speciale                      

Durata:   40 ore (  di cui 20 di teoria e 20 di stage);

 Destinatari: giovani in cerca di occupazione nel settore;

 Obiettivi: agevolare l’inserimento nel mondo del lavoro;consentire specializzazioni e competenze innovative.

I corsi si terranno presso la sede di Campobasso in Via Duca D’Aosta 3 tel 0874/418684

e presso la sede di Termoli in Via Asia 3/v tel.0874/81419

Per maggiori informazioni si prega di contattare i nostri uffici opuure scrivere a:

terminusformazione@gmail.com  

Convegno “Dallo scambio dei prodotti e delle merci all’E-Commerce”, interviene il dott. Colagiovanni

0

Si terrà sabato 13 ottobre, all’inteno della manifestazione Fiera d’Ottobre città di Larino, il convegno dal titolo: ” Dallo scambio dei prodotti e delle merci all’E-Commerce, Evoluzione del Commercio”.

Novità in materia di commercio e somministrazione

0

A partire dal 14 settembre prossimo entreranno in vigore le semplificazioni contenute nel decreto legislativo n.147/2012 in materia di attività commerciali e somministrazione di alimenti e bevande e recante disposizioni ed integrazioni del D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59 (attuativo della c.d. Direttiva Servizi).

Si seguito le principali novità:

ART.8

Somministrazione alimenti, bevande e commercio.

L’apertura degli esercizi e il trasferimento di sede in zone soggette ai parametri numerici sono vincolati ad autorizzazione rilasciata dal sindaco; l’apertura e il trasferimento di sede, negli altri casi, nonché il trasferimento di gestione sono soggette alla SCIA.

Nel commercio viene chiarito che chi vende mangimi per animali non viene considerato alimentarista e pertanto non sono necessari i requisiti professionali. Vengono meno gli stessi requisiti anche per il commercio all’ingrosso di alimentari e per la somministrazione nei circoli privati.

La pratica commerciale viene ritenuta quale requisito professionale non solo per i soggetti come i dipendenti qualificati addetti alla vendita o all’amministrazione, soci lavoratori, coniuge o parenti e affini, ma anche per altre posizioni equivalenti al socio lavoratore.

È ammessa la figura del preposto nel commercio di prodotti alimentari e nella somministrazione di alimenti e bevande anche per le imprese individuali

ART.9

Albo commissionari, mandatari ed astatori di prodotti ortofrutticoli, carnei ed ittici : viene soppresso. L’avvio dell’attività è soggetto alla mera verifica dei requisiti morali che spetta al Comune;

Ingrosso di margarina e grassi idrogenati: non è più necessaria la SCIA, ad oggi la fabbricazione e la gestione dei depositi all’ingrosso di margarina e di grassi idrogenati sono del tutto libere.

ART.10

Facchinaggio: vengono meno i requisiti di capacità economico-finanziaria e tecnico organizzativa, l’attività è soggetta alla mera verifica dei requisiti morali;

ART.15 E 16

Acconciatori ed estetisti: il responsabile tecnico deve essere iscritto al REA.

ART.17

Tintolavanderia: anche le lavanderie a gettoni rientrano nell’ambito di applicazione della normativa e quindi sono assoggettate alla verifica dei requisiti morali e professionali;

ART.18

Magazzini generali: l’apertura, la modificazione, l’ampliamento sono soggetti a SCIA da presentare con la Comunicazione Unica al Registro Imprese che la trasmette immediatamente al SUAP; la SCIA va comunicata al Ministero dello Sviluppo Economico.

Molini: i nuovi impianti, i trasferimenti o la trasformazione sono assoggettate a SCIA da presentare al Comune tramite la Comunicazione Unica;

Ruolo periti ed esperti: sono apportate le modifiche al regolamento tipo ed è soppressa la commissione centrale per l’esame dei ricorsi. Le competenze relative alla gestione del ruolo dei periti e degli esperti sono assolte dall’ufficio competente della camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura in forma semplificata ed è prevista la pubblicazione del ruolo sul sito camerale.

Termoli: sono aperte le iscrizioni ai nuovi corsi di formazione

0

Sono  aperte le iscrizioni per i seguenti corsi di formazione:
– Corso base libretto sanitario;
– Corso specifico libretto sanitario;
– Sicurezza sui luoghi di lavoro;

. Per informazioni ed iscrizioni telefonare allo 0875/81419 oppure inviare una mail a terminusformazione@gmail.com.

Economia: il giudice convalida lo sfratto dell’Arena da Bojano

0

Il giudice del Tribunale di Campobasso dottor Calabria ha firmato, nei giorni scorsi, un’ordinanza di sfratto per l’Arena Agroindustrie, per i suoi uffici di Bojano in località Monteverde, località dove ha sede il complesso industriale avicolo oggi gestito dalla cooperativa Solagrital. Il giudice ha disposto il rilascio dei locali, liberi da cose e persone per il prossimo 10 gennaio. La causa dello sfratto risiederebbe nel mancato pagamento dei canoni di locazione alla società regionale Gam, la società che ha avuto il compito certamente non semplice di rimettere ordine nella gestione delle proprietà immobiliari del complesso industriale di Bojano. L’importo dei fitti non pagati ammonterebbe a 1,5 milioni di euro.Non sappiamo allo stato quali decisioni adotterà l’Arena holding, oggi gestita da un nuovo management dopo l’uscita dell’imprenditore Dante Di Dario e rappresentata dal figlio del senatore democristiano isernino Lombardi, Raffaello. Di sicuro i rapporti tra Gruppo Arena e Regione Molise sono molto articolati e si sovrappongono e si intrecciano su più piani, sia sotto il profilo immobiliare sia sotto quello commerciale (il gruppo Arena ad esempio si rifornisce di prodotti dalla cooperativa Solagrital, anch’essa a maggioranza della Regione Molise). In ogni caso il giudice Calabria ha comunque stabilito  lo sfratto dai locali oggi utilizzati dalla Arena.

Lotta all’evasione nel nuovo decreto “Salva Italia”

0

Ulteriore stretta all’evasione nel nuovo decreto “Salva Italia” (art. 11 del DL n.201/11, convertito il legge il 22 dicembre 2011). Oltre alle tasse sul mattone e alla riforma previdenziale emerge dalle norme del decreto, convertito in legge il 22 dicembre scorso, una nuova arma a disposizione dell’erario per scovare i presunti evasori. Dal prossimo anno, infatti, gli istituti finanziari saranno tenuti a comunicare all’Anagrafe tributaria tutti i movimenti dei conti correnti e ogni altra informazione utile ai controlli fiscali. In pratica, l’Agenzia delle Entrate potrà esaminare i predetti dati per selezionare i soggetti da verificare.
Tali elementi, dunque, si vanno ad aggiungere ai dati delle dichiarazioni e fra poco anche a quelli derivanti dalle spese soggette a comunicazione al fisco (attraverso l’adozione del cosiddetto “spesometro” e del nuovo accertamento sintetico e redditometro) e determineranno senza dubbio un quadro completo e dettagliato di ogni contribuente. Ma nel presente decreto il governo Monti non ha rivolto la sua attenzione alle sole informazioni finanziarie. Altro forte impulso al contrasto all’evasione deriva sicuramente dall’abbassamento della soglia all’utilizzo del contante che non può essere superiore a mille euro.
Tutte le eventuali violazioni relative al predetto limite dovranno essere comunicate all’Agenzia delle Entrate che sarà chiamata ad attivare specifiche verifiche fiscali. Alla luce di tutto quanto illustrato, appare chiaro che il vero problema per lo Stato sarà quello di riuscire da una parte ad utilizzare nel miglior modo possibile questo immenso patrimonio di informazioni e dall’altra di garantire finalmente la giusta difesa alle persone soggette a verifica, magari costituzionalizzando i diritti già riconosciuti dallo Statuto del Contribuente (Legge n.212 del 27 luglio 2000) che troppe volte sono stati “dimenticati” sia dal Legislatore che dagli stessi Giudici Tributari.

Avv. Matteo Sances

info@studiolegalesances.it

www.studiolegalesances.it

Manovra Monti/ Ridotto il potere d’acquisto dei pensionati

0

Si stanno delineando i contorni del sistema previdenziale delineato nel pacchetto Monti – Fornero: passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo, innalzamento dell’età pensionabile, blocco delle rivalutazioni delle pensioni al costo della vita. In particolare cosa implica il mancato adeguamento delle pensioni al costo delle vita? La rivalutazione, sino all’entrata in vigore della manovra Salva Italia, aveva applicazione una volta l’anno con decorrenza al I gennaio, “sulla base della variazione percentuale avvenuta negli indici dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, elaborati dall’Istat e recepiti con decreto ministeriale”. Già con il Decreto Legge n. 98/2011, convertito in legge 111/2011, era stato introdotto un blocco totale delle rivalutazioni sugli assegni di importi superiori ad euro 2.400,00 ed un blocco parziale per le pensioni di importo compresi tra 1.405,05 e 2.341.75, andando di fatto a colpire le pensioni del cosiddetto ceto medio. L’articolo 25 della Manovra Salva Italia, di fatto, blocca la rivalutazione dei trattamenti pensionistici per il biennio 2012 – 2013, fatta eccezione per le pensioni minime e per quelle di importo complessivo sino a due volte il trattamento minimo. Quindi escluse dal blocco delle rivalutazioni le pensioni di importi pari ad euro 467,43 e euro 934,86, per le quali continueranno ad applicarsi le disposizioni vigenti in materia (art. 34, comma 1, legge 23 dicembre 1998 n. 448).

Di seguito il testo dell’articolo 25 della Manovra Salva Italia

art. 25. In considerazione della contingente situazione finanziaria, la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall’articolo 34, comma 1, della legge 23 dicembre 1998, n. 448 per il biennio 2012 e 2013 è riconosciuta esclusivamente ai trattamenti pensionistici di importo complessivo fino a due volte il trattamento minimo Inps, nella misura del 100 per cento. L’articolo 18, comma 3, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito con legge 15 luglio 2011, n. 111, e successive modificazioni e integrazioni, è soppresso. Per le pensioni di importo superiore a due volte trattamento minimo Inps e inferiore a tale limite, incrementato della quota d rivalutazione automatica spettante ai sensi del presente comma, l’aumento di rivalutazione è comunque attribuito fino a concorrenza del predetto limite maggiorato”.

Dottoressa Anita Ottaviano

Modello IES Informativa Economica di Sistema

0

La comunicazione di sistema è una dichiarazione annuale cui sono obbligati gli operatori dei settori dell’editoria e della radiodiffusione sonora e televisiva e riguarda i dati anagrafici ed economici sull’attività svolta dagli operatori interessati. L’informativa consente all’Autorità per le garanzie della comunicazione (AgCom) di raccogliere gli elementi necessari per adempiere a precisi obblighi di legge quali la verifica delle posizioni dominanti in ambito radiotelevisivo ed editoriale e l’aggiornamento della base statistica degli operatori di comunicazione. L’autorità per le garanzie della comunicazione è un’organo indipendente istituita nel 1997 che risponde del proprio operato al Parlamento che ne ha definito i poteri, i compiti e i componenti. È  un’autorità di garanzia con il compito di assicurare la corretta competizione degli operatori sul mercato e di tutelare i consumi di libertà dei cittadini. È altresì un organo convergente definito dal legislatore italiano nel momento in cui i sistemi di comunicazione quali telefono, computer e televisione sono portati a convergere, appunto, in un’unica piattaforma tecnologica ampliando i servizi offerti. Per l’anno 2011 l’agcom ha introdotto delle  novità per la compilazione del modello ies date dalla delibera n.303/11/CONS. I soggetti obbligati sono tenuti all’invio dal 1 luglio 2011 con termine massimo il 30 settembre 2011 scaricando e compilando il modello disponibile sul sito internet www.agcom.it. per settore di appartenenza tra editoriale, radiotelevisivo e concessionarie di pubblicità. I modelli da compilare sono due a seconda del livello di ricavi raggiunto nell’anno 2010 come risultante dal bilancio di esercizio. Il modello ridotto per coloro che non superano il milione di euro invece quello base per coloro che lo superano. La comunicazione con modello compilato deve essere inviata tramite posta certificata all’indirizzo e.mail ies@cert.agcom.it. Naturalmente sono esenti dall’obbligo coloro che hanno ricavi pertinenti alle attività in questione pari a zero euro. Infine l’agcom  può effettuare verifiche a campione e richiedere la trasmissione di dati integrativi.

Flavia Del Duca

La tassazione agevolata dei premi di produttività

0

Dal 2008 esiste un regime fiscale agevolato per i dipendenti del settore privato che ricevono somme legate a incrementi di produttività, innovazione e efficienza organizzativa, a livello aziendale, legati all’andamento economico dell’impresa. L’agevolazione consiste in una tassazione agevolata per tali somme entro i limiti dei 3.000,00 euro lordi per il 2008 e 6.000,00 per il 2009-2010. Su queste somme si applica un’imposta del 10% che sostituisce l’irpef e le addizionali regionali e comunali. Questo beneficio spetta ai lavoratori che hanno avuto un reddito da lavoro dipendente non superiore a 30.000,00 nel 2007 e 35.000,00 nel 2008-2009. E’ comunque possibile non applicare tale regime agevolato se è meno favorevole della tassazione ordinaria. Con il decreto n.78 del 2010 il regime a tassazione agevolata è stato prorogato anche per il 2011 con alcune novità. Oggi è possibile beneficiare di tale metodo solo per i premi di produttività erogati in base ad accordi o contratti collettivi territoriali o aziendali, anche preesistenti, sempre connessi all’andamento dell’impresa. Questi accordi secondo l’applicazione del principio generale di libertà di forma non hanno particolari obblighi formali e possono ricondurre al quadro di riferimento collettivo nazionale. Inoltre i limiti da considerare sono 6.000,00 euro per l’importo massimo a tassazione agevolata e non oltre i 40.000,00 euro annui per il reddito di lavoro dipendente per l’anno 2010, sempre con aliquota applicata del 10%. Per quanto riguarda gli istituti agevolabili il seguente quadro è esplicativo:
ñ    straordinario: è detassabile tutta la retribuzione relativa al lavoro straordinario (la quota di retribuzione ordinaria oltre alla quota relativa alla maggiorazione spettante per le ore straordinarie);
ñ    lavoro a tempo parziale: è detassabile l’intero compenso per lavoro supplementare (lavoro reso oltre l’orario concordato, ma nei limiti dell’orario a tempo pieno applicabile a tutti i lavoratori a tempo parziale);
ñ    lavoro notturno: sono detassabili le somme erogate per il lavoro notturno in ragione delle ore di servizio effettivamente prestate, nonché l’eventuale maggiorazione spettante per le ore di ordinario lavoro effettivamente prestate in orario notturno;
ñ    lavoro festivo: è detassabile la maggiorazione corrisposta ai lavoratori che, usufruendo del giorno di riposo settimanale in giornata diversa dalla domenica (con spostamento del turno di riposo), siano tenuti a prestare lavoro la domenica;
Sono altresì detassabili le indennità di turno o comunque le maggiorazioni retributive corrisposte per lavoro normalmente prestato in base a un orario articolato su turni, sempre a condizione che le stesse siano correlate ad incrementi di produttività, competitività e redditività. Per casi specifici e particolari si può consultare la circolare n. 3/E del 14/02/2011 sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Flavia Del Duca

L’evasione fiscale, lo scontrino deducibile e la mistificazione sui redditi autonomi e dipendente

0

L’evasione fiscale in Italia è un fenomeno lancinante, di proporzioni abnormi. Su questo ci sono pochi dubbi. Il punto è capire dove si forma, come si forma e perché si forma questa massa di evasione e se le prospettive di recupero a tassazione della stessa siano credibili. Altrimenti la lotta all’evasione diventa come gridare al lupo quando non si ha molto altro da fare: un alibi. L’evasione fiscale nasce nel momento in cui tra le parti contraenti non esiste un reciproco interesse all’emersione fiscale. Questo avviene prevalentemente nella vendita a privati, nei mercati di ampio consumo e quindi prevalentemente nella vendita al dettaglio. Tra imprenditori la fattura si scarica e quindi chi paga ha tutto l’interesse a ricevere il documento fiscale. Se vado al bar invece con lo scontrino del caffè non ci faccio nulla e quindi se non mi viene fornito non avverto alcun problema o possibile danno. La risposta sinora è quella della repressione o della cultura fiscale di un popolo. Si tratta di due grandi sciocchezze che infatti non funzionano. Pensare di mettere finanzieri ad ogni bar, negozio o stabilimento turistico italiano è una prospettiva che neanche la dittatura più arcigna o arroccata potrebbe realizzare. L’effetto dei proclami repressivi, stile maoista (punirne uno per educarne cento) ha un effetto limitato tenuto conto anche della continuità e della frequenza degli atti di acquisto degli italiani. Andiamo alla prospettiva culturale. Certo la mentalità italiana non è molto rigida sull’adempimento fiscale, che non è considerato un peccato o una condotta socialmente riprovevole. Ma anche laddove c’è una maggiore attenzione alle ripercussione sociale di una condotta fiscale discutibile i veri motivi non stanno nel puritanesimo o in una superiorità morale. Negli Stati Uniti c’è meno evasione fiscale (ma c’è pure lì e non è neanche poca) per due ragioni, che nulla hanno a che fare con l’etica della responsabilità. Primo. Le aliquote sono infinitamente più basse di quelle italiane (quasi della metà) e quindi l’adempimento dell’obbligazione fiscale diventa destramente più semplice. E qui scatta anche il discorso morale. Se non si vuole contribuire alle spese della comunità neanche con un contributo tutto sommato accettabile ci si pone davvero in una cattiva luce. Secondo: negli stai uniti le imprese sono tassate, specie quelle più piccole sono tassate a forfait. Pochi lo sanno ma negli usa esiste la minimum tax (anzi diverse minimum tax) ossia un prelievo imposto a prescindere dai risultati dell’attività economica. E’ come se si dovesse pagare in base a quello che esce dagli studi di settore, senza possibilità di prova contraria. E così siamo tutti bravi a contrastare l’evasione fiscale. Tornando all’Italia quindi una maggiore compliance fiscale si potrebbe avere o abbassando le aliquote (ma questo è impossibile vista la condizione pessima dei conti pubblici italiani) oppure creando nel mercato al consumo un conflitto di interesse tra consumatore e fornitore di beni e servizi. In pratica lo scontrino in qualche modo dovrebbe essere deducibile e questo risolverebbe anche una grandissima mistificazione statistica esistente sui redditi degli italiani. In pratica i lavoratori dipendenti hanno importi nominali di reddito di gran lunga superiori agli autonomi. E quindi dagli all’untore all’evasore. L’agenzia delle entrate ci sguazza e propina ai giornali ritualmente le statistiche dei redditi da lei elaborati facendo puntualmente capire che gli autonomi non pagano nulla e che i dipendenti invece dichiarano tanto. Il punto è che i due redditi sono elaborati con metodologie di calcolo completamente diverse. Quello degli autonomi è la differenza matematica tra costi e ricavi impegnati nell’attività, come emersi dalla contabilità aziendale. Quelli del lavoro dipendente sono al lordo di qualsiasi spesa o onere sopportato per la sua produzione. Per essere giusti si dovrebbe allora paragonare il reddito dei dipendenti con il fatturato delle attività autonome e aziendali, cioè prescindendo dalle deduzioni che la legge loro consente. Invece non si fa così e si crea confusione. Nessuno nega l’evasione ma se la si quantifica con metodologie sbagliate si creano alibi anche agli evasori (che di solito non dichiarano proprio nulla al fisco) che possono contestare procedure sbagliate e approssimative. Rendere deducibili gli scontrini o in generale le spese e gli acquisti del privato cittadino (magari ipotizzando dei tetti annui cumulativi) aprirebbe la porta ad una certo maggiore accertamento di base imponibile ed anche ad un avvicinamento nelle metodologie di calcolo dei redditi delle categorie di lavoro autonomo e dipendente.

Pietro Colagiovanni

Assenza di liquidità, il fisco “grazia” la Roma

0

Il fisco non può sanzionare il contribuente che non versi, o abbia adempiuto in ritardo al versamento degli importi dovuti, per mancanza temporanea di liquidità e se l’Amministrazione l’abbia indotto in errore con risoluzioni e circolari. Questo è quanto stabilito dalla Commissione tributaria del Lazio, con la sentenza n. 540 del 12 luglio 2011. La sentenza è riferita al ricorso presentato dall’Associazione sportiva Roma Calcio che, in virtù del dispositivo in esame, è stata esonerata dal pagamento di interessi e sanzioni per il mancato versamento, nei termini, delle somme dovute. Il fatto: la Roma calcio si era avvalsa del condono tributario introdotto dalla legge 289/2002, ma non aveva adempiuto al pagamento della seconda rata dell’importo dovuto, a seguito della presentazione della dichiarazione integrativa.
Per il giudice tributario “la mancanza temporanea di liquidità costituisce causa di forza maggiore”, tale da determinare l’annullamento dell’applicazione di sanzioni ed interessi, tenuto conto anche “del comportamento complessivo del contribuente”.  La disciplina contenuta nell’art. 6, comma 5 del D.lgs. 472/1997, prevede che non sia punibile il contribuente che commette la violazione per cause di forza maggiore, tra cui la mancnza temporanea di liquidità. Le sanzioni tributarie, inoltre, devono essere annullate se il contribuente dimostri che l’incertezza interpretativa della normativa lo abbia indotto in errore, così come stabilito dall’art. 6 del D.Lgs 472 citato e dall’articolo 10 della legge 212/2000 (Statuto dei diritti del contribuente). E queste disposizioni trovano applicazione anche nella vicenda Roma Calcio: si legge ancora, nella motivazione della sentenza, che sul condono tributario erano state emanate “ben 16 tra circolari e risoluzioni”, sulla proroga dei termini di presentazione delle dichiarazioni integrative e dei versamenti. 16 circolari e risoluzioni sui termini di presentazione delle dichiarazioni integrative e dei versamenti che potrebbero aver indotto in errore la Roma Calcio.
Anita Ottaviano

La Lega Nord e le pensioni delle dipendenti private anticipate…

0

La Lega Nord si sta ergendo a paladina dei pensionati, bocciando in modo rumoroso (e a volte anche discutibile) qualsiasi intervento che vada ad incidere sulle prestazioni di chi non lavora più. Il problema è che la Lega Nord e Bossi non sono finora entrati nel merito delle misure, preferendo, per ovvi motivi propagandistici, schierarsi a difesa dei pensionati tout court. Una politica comprensibile dal punto di vista del ritorno politico e di visibilità meno se si scende nel piano concreto delle misure ipotizzate. In particolare una sembra frutto delle astruse bizantine alle quali il legislatore italiano ci ha abituato da sempre. In pratica in Italia se sei donna, e sei una dipendente pubblica, vai in pensione a 65 anni. Se invece sei sempre donna ma sei dipendente privata vai in pensione a 60 anni. Una disparità di trattamento perfino anticostituzionale, che però tutti tollerano e sulla quale la Lega Nord ha voluto mettere il cappello, senza troppo scendere nei particolari. Il punto è che o si ha il coraggio di dire che i dipendenti della pubblica amministrazione sono gente che lavora poco, e quindi può andare in pensione più tardi con tutto quello che ne consegue sul piano politico e giuridico oppure si deve mettere mano ad una disparità che non ha ne capo ne coda e che ci costa pure una barca di soldi. Va inoltre considerato come le donne vivano in media più degli uomini e quindi il pensionamento a 60 anni, con un’attesa di vita (fortunatamente aggiungiamo noi) di venti anni diventa un colossale costo che le generazioni produttive si devono sobbarcare per campare i ceti ormai non più produttivi (per legge non certo per capacità o possibilità). Insomma la storia delle dipendenti private che vanno in pensione prima non ha nulla a che vedere con la difesa dei sacrosanti diritti dei pensionati. La Lega lo può anche usare questo spot per ritagliarsi un ruolo di lotta che forse la propria base non gli riconosce più pienamente ma chi fa informazione ha il diritto dovere di spiegare le cose come stanno, a prescindere dalle posizioni politiche, partitiche o dalle opportunità di schieramento e di visibilità di volta in volta ricorrenti nella nostra litigiosa nazione.

Pietro Colagiovanni

I Controlli specifici sulle imprese “apri e chiudi” in perdita

0

Il decreto legge n. 78 del 31 maggio ha previsto specifici controlli e una sistematica vigilanza da parte dell’Agenzia delle Entrate sulle seguenti tipologie di imprese:
IMPRESE CHE CESSANO L’ATTIVITA’ ENTRO UN ANNO
Attraverso l’attività di individuazione dei contribuenti da sottoporre a controllo, l’Agenzia delle Entrate, la Guardia di Finanza e l’INPS dedicheranno particolare attenzione a quelle imprese che cessano l’attività entro un anno dalla data di inizio (le c.d. imprese “apri e chiudi”). Obiettivo della norma è quello di impedire quei fenomeni nei quali si attivano posizioni fiscali solo per il tempo necessario per realizzare determinate transazioni commerciali e subito dopo chiudere l’attività senza il pagamento delle imposte dovute.

Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza effettueranno attenta e costante vigilanza nei confronti di quelle imprese che, per più di un periodo di imposta, presenteranno dichiarazioni in perdita fiscale e non abbiano deliberato e interamente effettuato nello stesso periodo uno o più aumenti di capitale a titolo oneroso di importo almeno pari alle perdite fiscali stesse. Sono escluse le situazioni in cui le perdite sono dovute a compensi erogati agli amministratori e ai soci. Inoltre, nei confronti dei contribuenti per i quali non si applicano gli studi di settore e non soggetti a tutoraggio saranno realizzati, dall’Agenzia delle Entrate e dalla Guardia di Finanza, coordinati piani di intervento annuali, elaborati sulla base di analisi di rischio a livello locale che riguardano almeno un quinto della platea di riferimento.

Aumento del bollo sui depositi: come prendere soldi facili alle famiglie italiane

0

L’incremento del 300% del bollo sui depositi titoli è una patrimoniale mascherata, ingiusta e odiosa perché non legata ad alcuna considerazione di progressività o quantomeno di proporzionalità. L’aumento immediato da 34 euro a 120 euro peraltro è solo provvisorio, perché a regime sui depositi superiori a 50.000 euro (una cifra non certo da paperoni della finanza) nel 2013 il bollo arriverà addirittura a 380 ed anche il bollo da 120 euro aumenterà a 150 euro. Insomma una stangata che avrà l’effetto di colpire indiscriminatamente i risparmi delle famiglie italiane in alcuni casi (se il deposito è investito prevalentemente in Bot) annullando del tutto gli interessi percepiti su di essi.

Duole dirlo, ma forse perché distratti da norme salva Fininvest e altre amenità, l’odiosa misura che porterà nelle dissestate casse dello stato italiano ben 8 miliardi di euro non ha ricevuto l’accoglienza che meritava. Ossia la denuncia che si tratta di una patrimoniale sul risparmio delle famiglie finalizzata solo all’acquisizione di soldi cash per il rapace governo italiano. A differenza delle patrimoniali per così dire normali questa imposta non ha alcun criterio di ragionevolezza impositiva. Non tassa il risparmio in quanto tale ma solo quello accantonato su un deposito. Sposta la tassazione, non si bene perché, dal risparmio gestito (che sarà colpito anche dall’incremento dell’aliquota fiscale dal 12,5% al 20) ai depositi di liquidità (che invece vedranno ridotta la tassazione degli interessi dal 27% al 20%) esponendo il risparmiatore così alle sollecitazione delle sirene dei guadagni facili (vedi le ingannevoli pubblicità sul trading delle valute, una delle attività più rischiose possibili nel campo della finanza fatte passare come una fonte di reddito sicuro).

Non ha alcun riguardo alla progressività della tassazione, alla consistenza del patrimonio da colpire (se non per la soglia, invero poco significativa di 50.00 euro) alle condizioni oggettive e soggettive del risparmiatore. Insomma l’importante è acquisire contante e dove lo posso acquisire con facilità e senza troppi problemi: semplice dove ci stanno i soldi fermi, che non si muovono, ossia in deposito. Complimenti al ministro Tremonti che ha avuto anche la singolare abilità di far passare una misura tanto grave come una quisquilia ed una pinzillacchera. Complimenti al governo italiano che così ha portato a casa danaro fresco per pagare i suoi sprechi continui e reiterati (pensiamo solo ai costi della politica e ai rimborsi elettorali ai partiti), aumentando ulteriormente una tassazione che in Italia è già ai livelli record mondiali. Complimenti ai tecnici ministeriali, astuti nel trovare un modo per fregare il prossimo senza che questo se ne accorga. Complimenti anche a noi cittadini italiani perché alla fine se ci trattano così e nessuno dice niente (vero associazioni dei consumatori?) probabilmente ce lo meritiamo.

di Pietro Colagiovanni

Confcommercio: “il caso Pambianchi”, Sangalli e Buongiardino

0

L’arresto del presidente della Confcommercio di Roma, Cesare Pambianchi sicuramente ha rappresentato un brutto colpo, soprattutto d’immagine, per l’associazione guidata a livello nazionale dal milanese Carlo Sangalli. Va detto che l’inchiesta relativa a Pambianchi (che secondo gli inquirenti era a capo di una vera e propria macchina per l‘evasione fiscale e l’esportazione di capitali all’estero) non ha toccato in alcuno modo la Confcommercio ma è anche vero che l’impatto sull’opinione pubblica comunque c’è stato. Ed oggi il navigato politico democristiano di Porlezza deve comunque cercare di correre ai ripari. Ma non è l’unico fronte aperto per Sangalli. Deve anche, nella sua qualità di Presidente della Camera di commercio di Milano, cercare di trovare un feeling con la nuova amministrazione di centro sinistra, quella guidata dal sindaco a sorpresa Giuliano Pisapia. Sangalli, parlamentare democristiano dal 1968 al 1992, non è tipo da scoraggiarsi. Già è calato a Roma (dove la gestione milanese della Confcommercio non era troppo ben vista da Pambianchi e i suoi) per mettere insieme i cocci dopo l’esplosione della vicenda giudiziaria ed ha già incontrato il neo sindaco di Milano Pisapia per stabilire un “entente cordiale” con la nuova amministrazione dopo tanti anni di intesa con il centro destra. Inoltre Sangalli deve tenere sotto attenzione la stessa situazione della Confcommercio e dei suoi equilibri interni e soprattutto dei suoi equilibri economici, colpiti dalla pesante crisi economica che riduce non solo i consumi ma anche le adesioni alle associazioni datoriali. In questo sforzo (che analizzeremo nei prossimi tempi in dettaglio) Sangalli non può fare a meno di contare sui propri uomini più fidati e rodati. Tra questi spicca Renato borghi, vicepresidente della Confcommercio con delega all’organizzazione ma soprattutto, anche se più nell’ombra, Simon Paolo Buongiardino, vero braccio destro di Sangalli per tutto quello che riguarda le problematiche di bilancio e di equilibri economico e finanziari. L’incontro con Pisapia verteva anche sul ruolo di Buongiardino che con il centro destra di Albertini e Moratti aveva inanellato una sfilza di incarichi. Oggi Buongiardino, amministratore della Confcommercio di Milano, presidente di Federmotorizzazione-Confcommercio, è anche nella città meneghina presidente della municipalizzata Mir- Milano Immobili e reti. Una nomina del 2007 che Pisapia oggi potrebbe riconsiderare in favore di altri. Buongiardino d’altronde è, come dicevamo l’uomo d’ordine di Sangalli. Laureato in economia e commercio, storico presidente delle concessionarie Fiat ha sempre supportato Sangalli nei passaggi più delicati per quanto riguarda gli equilibri di bilancio. Basti pensare che nel turbolento dopo Billè fu lui a definire un bilancio dell’associazione più chiaro e trasparente in cui ad esempio vennero evidenziati i costi degli organismi collegiali della Confcommercio, al costo di oltre un milione di euro annui. Ma Buongiardino ultimamente soffre di una certa sovraesposizione mediatica a causa soprattutto della sua elezione, contestatissima, nell’Automobil Club di Milano, di cui è vicepresidente insieme al figlio del ministro della Difesa Ignazio Larussa. Una nomina che lo ha portato ad apparire più volte sulla trasmissione d’inchiesta Report che si è occupata del caso. Ma anche il giornalista autore del libro “La Casta” Sergio Rizzo  si è occupato di Buongiardino in una delle sue tante vesti pubbliche, quella di presidente del Fondo integrativo sanitario del lavoratori del terziario e del commercio, Fondo Est. In un articolo dal titolo “Commercio, il fondo (obbligatorio) vale 80 poltrone” il giornalista analizzava la composizione, a suo dire ridondante della cassa sanitaria nata per fornire prestazioni di cura integrative ai suoi iscritti. Come che sia Buongiardino resta uno dei perni imprescindibili nell’azione politica e diplomatica di Sangalli ed anche in questi frangenti complessi, come quelli attuali, l’abile spadaccino (Buongiardino ha vinto i mondiali senior di scherma qualche anno  fa) non potrà tirarsi indietro.

La scuola: interessanti opportunità di lavoro

0

Negli ultimi anni il mondo della scuola primaria offre buone occasioni di lavoro anche per professionisti che non sono docenti con contratto a tempo determinato o indeterminato, ma persone con particolari competenze in grado di condurre un progetto specifico. Infatti, per alcuni ambiti disciplinari quali la musica o le attività sportive, la scuola si avvale della collaborazione di specialisti che prestano le loro competenze all’interno dell’orario scolastico. A fronte di una progressiva riduzione del numero dei docenti cresce invece il numero degli specialisti, considerato che l’ottica formativa scolastica declinata nel POF, il Piano dell’Offerta Formativa di ogni singolo Istituto, prevede la trattazione di alcuni progetti in modo specifico e puntuale: ciò crea l’ottica nella quale un’istituzione scolastica desidera porsi e la qualifica in modo proporzionale alle offerte formative. I docenti della scuola primaria non possono mettere a disposizione una preparazione specifica su ognuna delle innumerevoli materie di studio, quindi si ricade sul personale esterno che collabora con essi al fine di perseguire gli obiettivi formativi previsti. Per esempio un diplomato ISEF potrà svolgere lezione di motoria alle classi elementari, potendo offrire una preparazione accurata e specifica della sua materia di competenza. Si tratta materialmente di tenere dei veri e propri corsi e lezioni a favore degli alunni della scuola primaria, previa una progettazione con i docenti al fine di fondere le normali attività didattiche con le proposte specifiche. La collaborazione in genere tende poi a riproporsi nel tempo, perché la continuità didattica è un principio irrinunciabile al fine di vedere realizzarsi gli obiettivi a lungo termine; è auspicabile infatti che tale tipo di collaborazione perduri almeno per un ciclo di studi.
Questa tipologia lavorativa si presenta come un’eccellente opportunità per coloro i quali desiderano completare la propria professionalità, continuare le proprie precedenti attività come corsi privati o lezioni di recupero, ma contemporaneamente farsi conoscere e costruirsi un’immagine professionale affermata e garantita da una struttura pubblica riconosciuta.

Analisi del bilancio greco: Atene fa la bella vita con i soldi degli europei

0

La questione della Grecia, dei suoi conti in dissesto, della sua incapacità di ripagare i debiti a suo tempo sottoscritti è una questione che da quasi un anno sta scuotendo l’intera sistema finanziario europeo e forse mondiale. L’ultima accelerazione nella crisi della nazione ellenica si è avuta qualche giorno fa, quando il quotidiano tedesco “Der Spiegel” ha addirittura parlato di un’uscita dal sistema dell’euro della Grecia e un suo ritorno alla moneta nazionale, la dracma. Una scelta folle per il governo di Atene, ma la paura in questi casi fa novanta. Si riunisce a Lussemburgo un vertice straordinario tra i ministri delle Finanze di Italia, Francia, Germania, Spagna e Grecia, il presidente dell’Eurogruppo, alti esponenti della Bce e della Commissione e si pongono alla Grecia una serie di condizioni per evitare il default sulle proprie obbligazioni e consentire alla Unione europea di continuare a finanziare il fabbisogno dello stato ellenico. Garanzie sulle privatizzazioni, creazione di un fondo di ammortamento dei titoli di stato, allungamento delle scadenze del debito i principali punti discussi nella riunione. Il punto vero però, ad avviso di chi scrive, è un altro. Come sono messi davvero i conti della Grecia? Leggendo le cronache finanziarie di questi giorni i numeri di Atene non vengono nemmeno citati. Al massimo si parla di percentuali, di scostamenti dagli obiettivi che il governo Papandreu aveva posto alla base delle sue richieste di finanziamenti, si cita un rapporto deficit/pil del 10,4% ma nulla si sa della reale condizione delle casse elleniche. E allora ci abbiamo provato un po’ noi, andando ad analizzare i documenti ufficiali del governo di Atene e del suo Ministro delle Finanze. E qui si arriva al nocciolo della questione. Un nocciolo talmente duro che non piace a nessuno e che, guarda caso, nessuno rende pubblico. Il dato incredibile è uno solo. Semplifichiamo. Come ogni famiglia, condominio, azienda o ente anche uno stato deve fare i cosiddetti conti della serva. Ossia calcolare quanti soldi guadagna ogni anno e quante spese ha. La differenza se positiva può destinarla al risparmio o ad investimenti, se è negativa deve indebitarsi o vendersi qualcosa per far quadre il bilancio. Come è messa in questa ottica così semplice la nazione greca? Non male. Peggio. Malissimo. Il Ministro delle Finanze greco ha reso disponibile per l’anno 2010 un documento ufficiale, il “Rapporto sul budget del governo per il 2010”. Nelle 48 pagine del dettagliato documento una è essenzialmente di nostro precipuo interesse. A pagina 17 il governo Greco dettaglia il progetto di incassi, di ricavi sui quali contare per coprire le spese del 2010. Ebbene il risultato è il seguente: incassi da tasse per circa 49 miliardi di euro, incassi da altre entrate diversi dalle tasse per altri 4, 2 miliardi di euro, incassi da soldi prestati per 38, 156 miliardi di euro. E così si coprono le spese correnti dello stato greco che ammontano a circa 90 miliardi di euro (91,9 miliardi per la precisione). Torniamo all’esempio di una famiglia normale. Il papà guadagna ogni anno circa 49.000 mila euro e la mamma con qualche lavoretto arrangia altri 4 mila euro. La famiglia però spende 91 mila euro l’anno, perché ha un certo tenore di vita. E la differenza chi ce la mette? Gente che ci presta i soldi, magari contribuenti europei, che tirano fuori 38 mila euro l’anno per consentire alla nostra simpatica famiglia greca di avere un tenore di vita adeguato. Il fallimento della Grecia è tutto qua, e parlare di altro è superfluo. Lo stato greco non è fallito, è peggio. E’ completamente decotto. Perché dai propri cittadini riceve appena il 58% dei soldi che gli servono per andare avanti. Il restante 42% se lo deve far prestare, dando in garanzia non si bene cosa. In pratica la Grecia si concede un tenore di vita praticamente doppio di quello che le sue reali possibilità gli offrirebbero. E l’Europa (inclusi gli italiani, che non è che se la passano troppo bene ) gli forniscono quella integrazione al reddito per fargli fare la bella vita, anche oggi anche a crisi scoppiata e perfino con il budget per il 2011. E poi si dice che i tedeschi sono sempre così cattivi…

di Pietro Colagiovanni

Eolico: l’intervista a Lorenzo Partesotti, imprenditore del vento

0

Fanno troppo rumore. Hanno un forte impatto sulla mortalità degli uccelli. Rovinano il paesaggio. Attraggono gli interessi della criminalità organizzata. Sono queste le maggiori critiche che si sentono muovere dalla popolazione nei confronti dell’energia eolica. La crisi economica e il problema dell’approvvigionamento energetico, però, stanno riaprendo la strada alla proposta del nucleare in Italia. Proposta che comporterebbe costi elevati, sia di costruzione che di gestione, smantellamento e stoccaggio delle scorie, nonché un impatto ambientale estranei al sistema delle rinnovabili. Secondo i dati diffusi da La Nuova Ecologia, l’eolico “garantisce 25mila posti di lavoro, fornisce energia a 4 milioni di famiglie, evita l’emissione di 4,7 milioni di tonnellate di CO2 all’anno, e fra 10 anni la sua produzione potrebbe triplicare”. Se da un lato, dunque, ci troviamo davanti ad una società confusa che vuole l’energia verde ma non conosce bene il sistema, dall’altro iI Governo sta già preparando il terreno per il suo progetto energetico approvando il nuovo Decreto sulle rinnovabili che mette un freno allo sviluppo delle stesse e pone davanti agli italiani la questione del ritorno al nucleare. Abbiamo affrontato la questione con Lorenzo Partesotti, esperto di energie rinnovabili ed imprenditore nel campo del mini e macro eolico.

Dott. Partesotti, in quanto imprenditore del settore, ci può spiegare qual è l’attuale situazione delle aziende che operando nell’eolico?
“Purtroppo, in Italia, le aziende che realizzano o sono proprietarie di impianti eolici sono inserite in un quadro in cui è assente una industria nazionale dell’energia del vento e ora devono fare i conti anche con il nuovo Decreto che farà crollare il settore. Questo è un comparto che, dal 2008, ha avuto anche in Italia una crescita a due cifre nonostante la crisi economica. La tecnologia hanno raggiunto un ottimo livello di affidabilità e convenienza: nonostante ciò, quando mi sono recato al salone internazionale dell’energia eolica tenutosi in Germania nel 2010, su molte centinaia imprese espositrici solo 4 o 5 erano italiane. Questo è dovuto all’arretratezza tutta italiana della politica, ma pure dell’industria e della società civile nel suo complesso, mentre tutto il mondo guarda alle potenzialità di questa fonte energetica per puntare alla fuoriuscita dal petrolio e dal nucleare”.

Oltre alle riserve del Governo in fatto di incentivi alle rinnovabili, le imprese si trovano anche doversi interporre con cittadini restii a far costruire le turbine sul loro territorio. Come va affrontato il dialogo con la popolazione?
“Quando ci sono stati dei referendum sull’eolico, le persone interrogate si sono espresse a grande maggioranza a favore di questa tecnologia. Questo risultato si è ottenuto informando le persone, facendole incontrare con esperti, portandole a visitare gli impianti. Certo ci sono zone in cui l’eolico è fatto male e si è sviluppato il malaffare, ma questo succede anche in altri settori come la sanità, per esempio. Questo non vuol dire che non deve essere realizzato, perché si tratta comunque di una tecnologia ad impatto zero sia nei costi che nelle emissioni (anche se un minimo di impatto nelle opere naturalmente c’è), ma che ci debbano essere progetti sensati e che rispettino i vincoli ambientali. Se si guarda all’estetica, invece, il bello e il brutto sono assolutamente relativi per questo le scelte tecnologiche non possono essere influenzate da questi fattori perché il paesaggio è non è un elemento fermo e immutabile ma cambia con l’evolversi della società, si vedano il caso delle autostrade e dei tralicci dell’alta tensione”.

Oltre al fattore paesaggio, le maggiori problematiche ambientali legate all’eolico sono il rumore e la mortalità dell’avifauna. Come vengono superate?
“Per quanto riguarda il rumore, la invito ad andare sotto una turbina di ultima generazione. Noterà che non si sente nulla. Secondo gli studi realizzati, misurando il rumore del vento tra gli alberi si è constatato che più forte di quello di una pala eolica. Questo perché le foglie degli alberi non sono areodinamiche, ed infatti non sono state studiate nelle galleria del vento, come che invece viene fatta per le turbine. Certo, più veloci andranno le pale, più rumore si produrrà ma a 200 mt di distanza non si sentirà comunque nulla. Per quanto concerne il problema dei volatili, la questione nacque tutta dagli eventi che si realizzarono in California negli anni ’80 in un parco che annoverava 5700 impianti. Allora si trattava delle prime turbine eoliche prodotte e, quindi, non paragonabili con quelle di oggi. Inoltre, nel caso italiano, il numero delle pale è decisamente inferiore: si attesta sulle 10/20 turbine che, in base agli studi degli ornitologi (primi nemici dell’eolico), si avrebbe una mortalità al massimo di 0,2 uccelli all’anno per turbina. Nel caso californiano la mortalità era molto più alta, non fosse altro per le migliaia di turbine per ogni impianto eolico”.

Prima del Decreto sulle rinnovabili, l’eolico ha potuto godere di diversi incentivi. Questo elemento, secondo lei, ha rischiato di attirare gli interessi della criminalità organizzata,oltre che quelli di natura puramente speculativa?
“Il mercato energetico nazionale non è libero. Gli incentivi che vengono messi a disposizione vanno a diverse fonti energetiche: si vedano quelli per lo smaltimento dei residui della raffinazione del petrolio (altamente inquinanti) fino al nucleare pagati interamente dallo Stato. Si tratta di costi esterni (le cosiddette esternalità ambientali e sanitarie) che vengono scaricate sulla popolazione. Costi che, nel caso dell’eolico, sono zero perché non inquina. Dove si guadagna sicuramente c’è il rischio di infiltrazioni mafiose ma io ho la netta impressione che, in Italia, ci sia un diffuso sistema di tangenti che tocca tutti i settori. Quindi, credo che la questione del malaffare non dipenda dagli incentivi ma dal sistema italiano”.

Carmela Mariano

Nucleare: l’intervista a Stefano Ciafani, responsabile scientifico Legambiente

0

Il terremoto scatenatosi a Fukushima, l’allarme radioattività per l’esplosione delle centrali giapponesi e la politica energetica improntata dal governo italiano hanno sollevato diverse preoccupazioni nella popolazione. Un segnale di riflessione è già stato inviato dalle rappresentanze istituzionali che in questi giorni stanno approntando tavoli tecnici con le associazioni e i soggetti interessati per raggiungere un accordo comune. Intanto, in attesa del referendum di giugno dove gli italiani potranno dire si o no al ritorno del nucleare, si parla ancora di individuare i siti idonei per accogliere le future centrali che si baseranno sulla tecnologia francese EPR di terza generazione avanzata (3+) mentre il ministro Romani chiede all’Ue l’attuazione degli stress test per la sicurezza entro la fine del 2011. Dal rapporto stilato da Legambiente si tratterebbe di “52 aree, ciascuna avente almeno 300 ettari di estensione, localizzate tra Puglia, Molise e Basilicata (in particolare l’area calanchiva e la Murgia in provincia di Matera), tra il Lazio e la Toscana (la Maremma e la provincia di Viterbo), tra l’Emilia Romagna e il Piemonte (soprattutto nel Piacentino e nel Monferrato)”. E proprio al responsabile scientifico dell’Associazione, Stefano Ciafani, abbiamo voluto sviscerare i punti nevralgici della questione.

Dottor Ciafani, quanto inciderà, a livello economico, l’apertura delle centrali in Italia?
“A livello economico sarà una stangata. A di là della propaganda nuclearista, diversi soggetti quali il Dipartimento energetico Usa, il Mit, l’Agenzia internazionale dell’energia e l’agenzia di rating Moody’s rilevano che, includendo i costi di smantellamento e di stoccaggio delle scorie, l’energia nucleare è sta le più costose al mondo. Se vogliamo davvero ridurre i costi in bolletta dobbiamo puntare sulle rinnovabili. Più si diffondo queste tecnologie, meno costeranno. Non è vero che l’energia verde è la causa di bollette troppo alte: dei 5,5 miliardi di euro sottratti in fattura, 2,7 riguardano voci che non hanno nulla a che fare con le fonti alternative”.

Come vede la scelta del governo di attuare il Decreto sulle rinnovabili? E che impatto avrà il nucleare sull’ambiente, a differenza si eolico e fotovoltaico?
“Io credo che sia giusto diminuire gli incentivi in modo graduale per permettere alle nuove tecnologie di svilupparsi ed affermarsi. Non sono d’accordo sulla decurtazione drastica impostata dal governo. A livello ambientale, la tecnologia scelta per le centrali non ha risolto proprio nulla. Il problema dello smaltimento delle scorie che c’era prima ci sarà anche dopo e questo lo rilevano anche Usa e Francia che sono quei paesi che attualmente si basano sul nucleare. Durante il la fase di esercizio, inoltre, la centrale rilascia comunque dosi di radiazioni che si disperdono nell’ambiente. Secondo uno studio condotto dall’Agenzia federale per la radioprotezione tedesca, i bimbi che vivono entro un raggio di 5 km dalla centrale hanno una percentuale maggiore di ammalarsi rispetto gli altri”.

Crede che l’approvazione del Decreto sia stato influenzato dalla politica sul nucleare? La stessa politica ha, inoltre, influenzato anche la scelta di dottor Veronesi a capo dell’Agenzia per la sicurezza nucleare?
“Decisamente si. L’obiettivo è quello di sottrarre soldi alle rinnovabili per reinvestirle nel nucleare proprio perché i costi di gestione pre, durante e post sono molto elevati. Anche il ministro Romani lo ha ammesso. Per quanto riguarda Veronesi, la scelta è stata tutta mediatica. Per quel ruolo era necessario un tecnico che potesse valutare adeguatamente gli aspetti pratici del sistema”.

Se le centrali dovranno in ogni caso essere costruite, quali potrebbero essere i siti migliori in Italia?
“I siti idoneo sono pochi. Il territorio deve essere geologicamente stabile, vicino all’acqua e con nessuna popolazione intorno. Per quanto riguarda i due aspetti si prediligono le coste. Se si prende in considerazione anche la popolazione, non è possibile costruire la centrale in nessun posto. Si parla molto di sicurezza ma il Giappone c’insegna. Stando a questi fattori, nessun sito è idoneo. Per questo, a giugno, si chiederà agli italiani di votare nuovamente con un referendum per esprimere il proprio parere sul nucleare. Il governo sta cercando di non far raggiungere il quorum necessario per impedire che il referendum si svolga, per questo non ha approvato l’Election day costringendo agli italiani a votare più volte, con la conseguenza che verranno impegnati 400 milioni di euro”.

Carmela Mariano

Decreto rinnovabili: l’intervista al presidente del Gifi-Anie

0

Il Decreto legislativo sulle energie rinnovabili ha avuto l’approvazione anche del presidente Napolitano che, lo scorso 8 marzo, ha firmato il testo deliberato dal Consiglio dei Ministri. Approvazione che non ha avuto la benedizione delle associazioni di categoria le quali, due giorni dopo l’apposizione della firma presidenziale, hanno deciso di riunirsi a Roma per manifestare. In questo modo, Assoenergie future, Assosolare e il Gruppo imprese fotovoltaiche italiane (Gifi) promettono battaglia sia in piazza che presso i tribunali fino ad arrivare alla Corte Ue, come ha spiegato alla stampa l’avvocato Stefania Piscitelli: “La strategia più veloce potrebbe essere di aspettare che un’azienda non riceva l’incentivo in modo da poter sollevare la questione di fronte alla Corte costituzionale”. In merito abbiamo ascoltato il presidente del Gruppo Imprese Fotovoltaiche Italiane (Gifi), Valerio Natalizia il quale ha spiegato i cambiamenti che il settore dovrà affrontare.

Presidente Natalizia, qual è l’attuale situazione del sistema energetico basato sulle rinnovabili in Italia?

“In anni recenti in ambito internazionale è emersa una crescente attenzione al tema della sostenibilità ambientale, declinata in particolare al settore energetico e alla minore dipendenza da fonti fossili tradizionali. In piena crisi gli investimenti green oriented hanno assunto negli interventi governativi di molti Paesi un ruolo driver in funzione anticiclica. Secondo le più recenti stime il comparto delle rinnovabili (fotovoltaico, eolico e biomasse) ha raggiunto nel 2010 un fatturato di 13 miliardi di euro, con una crescita del 60% nel biennio 2009-2010. In particolare, secondo stime GIFI-ANIE, il settore del fotovoltaico ha un fatturato aggregato di 3,2 Miliardi di Euro (di cui 500 milioni di euro di inverter per fotovoltaico) e conta 20.000 addetti. Le aziende attive in Italia nel settore fotovoltaico operano nella progettazione, installazione, distribuzione e manutenzione di impianti e sistemi. Le aziende operano anche nella produzione di inverter, sistemi di supporto e di componenti collegati al fotovoltaico. Nell’ultimo periodo nel mercato italiano stanno emergendo anche molti piccoli produttori di moduli fotovoltaici in silicio sia cristallino sia amorfo che nel complesso arrivano a produrre annualmente circa 500 MW di moduli”.

Cosa andrà a modificare il nuovo Decreto recentemente approvato dal Governo?
“Il Decreto prevede ora che l’attuale Conto Energia sia applicabile esclusivamente agli impianti solari per i quali l’allacciamento alla rete abbia luogo entro il 31 maggio 2011. Così come è stato approvato il Decreto determina sin da subito effetti pesantemente negativi quali: il ricorso immediato alla cassa integrazione straordinaria, identificata attualmente nell’ordine di oltre 10.000 unità direttamente impiegate nel settore; il blocco delle assunzioni e la perdita di qualificati posti di lavoro, quali quelli nella Ricerca & Sviluppo e il blocco immediato degli ordinativi delle aziende (stimabili in oltre 8 miliardi di euro)”.

Perché avete deciso di manifestare a Roma?
La decisione di partecipare all’incontro di Roma del 10 marzo scorso è nata dall’esigenza di portare avanti le istanze del comparto del fotovoltaico insieme alle altre associazioni di categoria: settore che, ricordiamo, ha fornito fino ad oggi un valido contributo per il raggiungimento degli obiettivi della politica energetica europea 20-20-20, che prevede una quota del 17% dell’energia primaria nazionale prodotta da fonti rinnovabili. Insieme agli altri rappresentanti del settore rinnovabili GIFI-ANIE ha voluto avanzare proposte di riforma al decreto che potrebbe paralizzare il mercato, chiedendo un piano di sostegno al settore, che eviti i continui cambi di rotta e che fornisca regole certe per garantire una duratura stabilità”.

Avete avuto modo di discutere dei problemi legati ai finanziamenti alle energie verdi con le istituzioni? Quali sono stati, eventualmente, gli impegni presi dal Governo?
“Le aziende di GIFI-ANIE parteciperanno nei prossimi giorni a un tavolo tecnico con i Ministeri, allo scopo di posticipare al 31 dicembre 2011 la data fissata invece al 31 maggio 2011 per l’allacciamento degli impianti alla rete elettrica e per la definizione del nuovo sistema di incentivazione e la rimozione della quota massima annuale incentivabile. L’Associazione si è detta inoltre disponibile per la presentazione di proposte operative responsabili, condivise fra tutti gli operatori e volte a garantire una crescita sana del mercato fotovoltaico”.

Carmela Mariano

Il rischio UniCredit nella solita Italietta

0

La questione libica, con il suo repentino aggravarsi e con la sua proiezione internazionale, ha ancora una volta di più segnalato le debolezze politiche ed economiche del sistema Italia. La decisione di appoggiare la coalizione internazionale per il rispetto della no-fly zone è stata una decisione presa per default, senza che noi abbiamo guidato il processo e senza che noi siamo stati capaci di tirarci indietro, come invece forse più saggiamente ha fatto la Germania. Umberto Bossi ha pubblicamente criticato questo intervento timido, impacciato e pericoloso ed è stato forse l’unico che ha avuto il coraggio di dire quello che molti pensano. Gheddafi è un pericoloso dittatore sicuramente, ma lo era anche quando gli abbiamo permesso di acquistare le quote della prima banca italiana, Unicredit di cui è diventato primo azionista. Ed era sempre un pericoloso dittatore anche quando l’Eni ha avviato attività petrolifere in Libia. L’esitazione dell’Italia, mai come in questo caso, ha dimostrato la fragilità del sistema Italia, il suo provincialismo, la sua pochezza. Mentre tutti pensano a tutelare con attenzione i propri interessi, noi ci siamo allegramente defilati su questioni che interessano migliaia di lavoratori, di cittadini. Unicredit è un patrimonio dell’intera nazione ma per piccoli interessi (o grandi ma a favore di pochi) abbiamo comunque rischiato quello che nessuno avrebbe mai rischiato: consegnare una banca di questa importanza ad una persona i cui disturbi mentali sono materia nota e conosciuta da oltre trenta anni. Non si tratta di una cosa seria, così come non si può entrare in una guerra solo perché la Francia ci soffia la scena. In poche parole l’Italia, a cento anni da quando decise di invadere la Libia, anche lì collezionando una sequela di brutte e tristi figure, non è cambiata molta: Italietta era e Italietta resta.

Pietro Colagiovanni

Il business mortale delle centrali nucleari

0

Certamente l’impatto del terremoto in Giappone non era prevedibile nella sua immensa violenza. Ma è altrettanto sicuro che il Giappone è un territorio naturalmente predisposto ad eventi sismici di grande intensità. In altro verso il Giappone è una nazione povera, se non del tutto carente di risorse energetiche naturali. E’logico anche che, con la costruzione di reattori nucleari il Giappone abbia voluto almeno in parte affrancarsi dalla dipendenza, mai come in questi ultimi tempi pericolosa, dai paesi produttori di gas e petrolio. Il dramma di Fukushima ci dice però che tutti questi ragionamenti, in teoria corretti, possono avere conseguenze imprevedibili e catastrofiche quando si confrontano con la natura, con l’imprevedibilità del caso e del fato. La situazione giapponese d’altronde nelle premesse prima evidenziate, è straordinariamente simile a quella italiana. L’Italia infatti è praticamente priva di risorse naturali, ha un’elevata sismicità e sta cercando, dopo un blocco ultraventennale dettato da un referendum popolare, di riaffacciarsi sul mercato del nucleare, ipotizzando la costruzione di nuovi reattori. Il punto qual è? E’ quello che la centrale nucleare anche di terza generazione avanzata non è affatto sicura, come la si vuole dipingere, e comunque eventi sismici di straordinaria intensità, che nessuno potrà mai escludere metterebbero comunque a repentaglio la vita di un numero imprecisato di cittadini. In questo senso bisogna chiedersi allora il perché di tanta volontà di insistere sulla strada del nucleare, una tecnologia ancora instabile e di cui non è stato mai risolto il problema dello smaltimento delle scorie. Il perché è puramente economico e speculativo. Tutti coloro che spot alla mano difendono l’energia nucleare lo fanno perché parte di una lobby economico politica che punta al grande business della costruzione di una centrale. Parliamo di lavori e di appalti per tre miliardi di euro, ed è ovvio che una gigantesca spesa di finanziamenti è troppo appetibile, è irresistibile per chi ha le leve del potere in mano. Peccato però, e il disastro di Fukushima ce lo ricorda, che tutta questa speculazione, questa voglia di business, di guadagno e di potere espone i cittadini a rischi importanti, forse potenzialmente fatali (Pietro Colagiovanni)

Perché ci vuole una donna nuda per acquistare un tubetto di colla?

0

Si fa un gran parlare di parità tra i sessi, come auspicio o come punto di arrivo. Di certo non come realtà. In Italia, e le polemiche sul ruolo della donna e sulle inchieste giudiziarie su giri di prostituzione altolocati lo dimostrano, siamo ancora più arretrati rispetto ad altri paesi. La nostra resta nelle fondamenta, una società ancora profondamente dominata dal maschio e sui suoi gusti si informa gran parte della comunicazione e degli stili di consumi. Basta una riflessione banale per capirlo. Se fossimo in una società più paritaria o addirittura dominata dalla componente femminile l’abbinare un prodotto ad una donna poco vestita non avrebbe grande effetto. O avrebbe comunque un impatto di gran lunga inferiore a quello che ha oggi. La donna, quindi, non ha raggiunto ancora il potere sociale che meriterebbe. Anche perché il rendimento scolastico delle donne, come hanno confermato ancora un volta recenti studi accademici, è di gran lunga migliore di quello dei colleghi maschi. Perché allora un’intera società non sfrutta appieno queste grandi potenzialità che la donna può offrire? I motivi sono profondi. In primis il ceto maschile al potere ha ben poca voglia di mollare le redini detenute per generazioni e generazioni. Ma anche se, in un soprassalto di resipiscenza volesse l’intera società è profondamente modellata sul maschio e sulle sue esigenze ed è quindi difficile da riconvertire in tempi ragionevolmente brevi. I modelli di consumo sono penati sull’uomo, la pubblicità, come abbiamo visto, è pensata per i desideri maschili, le strutture produttive ed economiche sono organizzate in base alle esigenze dei maschi. La donna è anche madre, o quantomeno è il percorso più naturale di una donna ed è anche quello statisticamente più rilevante. Ma il mondo del lavoro e della produzione è pensato ed incentrato solo per l’uomo, che non ha i ritmi della maternità, ritmi fisiologici prima che culturali. Eppure le nuove evoluzioni della tecnologia possono accelerare un rinnovamento culturale ormai indispensabile. Certo con questo non si vuol dire, e chi scrive essendo uomo certo non lo auspica che il ruolo maschile venga ghettizzato o peggio emarginato. Si vuole solo dire che una società in cui la donna concorre su basi paritetiche alla gestione della collettività, delle imprese e della società tutta è un posto migliore, che sfrutta meglio le proprie risorse, è più armonico ed è meno distorto, come è adesso, da pulsioni e desideri tipici di una sola metà del cielo. La tecnologia attuale sta rendendo possibile una progressiva dematerializzazione delle prestazioni lavorative. Le prestazioni che maggiormente si stanno liberando dall’essere vincolate ad uno specifico luogo di lavoro sono quelle in cui il ruolo femminile ha carte spesso migliori da giocare, come quelle professionali, quelle derivanti da studi complessi e approfonditi, quelle derivanti da specializzazioni assai accurate. Forse il nuovo sistema produttivo mondiale che la tecnologia sta modellando riuscirà a fare giustizia di una discriminazione immotivata che frena lo sviluppo della collettività e francamente, tra un Bunga bunga ed una velina, si dimostra anche noiosa e fastidiosa. (Pietro Colagiovanni)

Unicredit e Gheddafi primo azionista: che disastro…

0

La scarsa lungimiranza può comportare pericoli importanti per sistemi economici e finanziari delicati come quelli occidentali. Ed ovviamente in questo scenario l’Italia è messa anche peggio. Anche perché fa cose quantomeno superficiali. Con il massacro in Libia di questi tempi, qualcuno ci dovrebbe spiegare come si è potuto consentire ad un dittatore i cui equilibri psicologici sono stati sempre fragili di acquisire il pacchetto più importante di azioni della prima banca italiana, e colosso a livello europeo, come è Unicredit. Oggi tutti se la prendono con Berlusconi per il baciamano, la tenda, le ragazze e altre insulsaggini del genere. Nessuno ci spiega perché il salotto buono della finanza, quello dei poteri forti, dove Berlusconi non ha certo una presa di ferro ha consentito qualcuno dice sollecitato l’arrivo del colonnello e dei suoi petrodollari. Oggi i libici hanno circa il 7,5% dell’istituto di piazza Cordusio e comunque andrà a finire sarà una bella gatta da pelare. Se Gheddafi rimane in sella bisognerà spiegare alla gente come si fa a rivolgersi ad uno sportello di una banca la cui quota di riferimento è in mano ad un pazzo sanguinario che ha massacrato migliaia dei suoi cittadini. Se arrivano i Fratelli musulmani, come qualcuno per giustificare la sua vicinanza al colonnello di Tripoli suggerisce, bisognerà spiegare come si fa a consegnare Unicredit a simpatizzanti di Al Qaeda. Seppure non si arriva a nessuno di questi due estremi resta il fatto che l’integrità di uno dei pilastri finanziari italiani è stato comunque messo a rischio, ed una soluzione non sarà semplice. In altri paesi più seri si valuta anche la strategicità delle aziende e si chiedono, come è giusto che sia, garanzie rispetto agli acquisti di azioni di queste società. Non è una questione di libero mercato. Gheddafi ha i soldi perché è un dittatore che ha brutalmente sfruttato un popolo e le sue riserve naturali. Di libero mercato i suoi petrodollari non hanno proprio nulla, anzi. E quindi le regole del libero mercato devono essere ispirate quantomeno alla reciprocità. Ma nel caso Unicredit per basse ragioni di politica e di cassa tutto questo ragionamento non è stato fatto. E gli gnomi della finanza italiana, dopo questo disastro, appaiono se possibile ancora più piccoli. (pietro colagiovanni)

Come investire nel barile di petrolio?

0

Il prezzo del petrolio si va costantemente impennando. Le turbolenze e le rivolte del mondo arabo, luogo dove il petrolio si estrae e luogo lungo il quale comunque transita, stanno solo mettendo in evidenza un trend che è destinato ad accelerare. Il problema è che con l’arrivo sullo scenario dei paesi emergenti centinaia di migliaia, se non milioni dipersone ogni anno reclamano consumi energetici che sinora non li avevano interessati. Basti pensare allo sterminato continente cinese, o al subcontinente indiano e alla sua probabile motorizzazione. D’altronde non si capisce perché un occidentale debba consumare 100 barili di petrolio in media ed un cinese solo tre. Il punto è che questa tendenza creerà sempre più tensioni, sempre più frizioni politiche, sempre più strategie con possibili esiti conflittuali. E’ovvio che questo scenario comporta rischi ma anche opportunità per gli investitori. Gli operatori del settore petrolifero, alla luce di questa tendenza, sembrerebbero essere i naturali destinatari di un investimento. Eppure le cose non sono così semplici o scontate. I rischi di provocare disastri naturali, come è accaduto con British Petroleum, sono dietro l’angolo. I rischi che una compagnia petrolifera venga nazionalizzata, che un cambio di regime (evento oggi più probabile che mai) possa mutare i contratti, le concessioni e le modalità con cui la compagnia opera sono estremamente elevati. Inoltre oggi con il rarefarsi del petrolio a basso costo, le società del settore devono investire somme sempre più rilevanti, nell’ordine dei miliardi di euro, per arrivare a chilometri di profondità e far sgorgare il prezioso oro nero. E’ovvio quindi che l’appetibile prospettiva di investire i propri risparmi in un settore dalle potenzialità enormi ,come quello energetico e petrolifero, nello specifico deve essere contemperata da questi ulteriori ragionamenti. Ciononostante non sarebbe una buona politica non esere presenti, sia pure con mille accortezze, in questo comparto. Come sempre però occorre tenere sotto controllo i rischi. Anziché puntare su un solo titolo (esposto a mille oscillazioni e singolarità) una buona scelta può essere quello di puntare su fondi a basso costo che sintetizzano un indice o un paniere di titoli. Un esempio sono gli Etf di settore, magari denominati in euro per non dover subire anche i rischi di oscillazioni del cambio.Si tratta forse della soluzione più economica e probabilmente meno rischiosa per destinare una quota dei propri risparmi al barile di petrolio e alla sterminata fetta di economia mondiale che sempre di più ruoterà intorno ad essa. (Pietro Colagiovanni)

Ambulatori vs farmacie, Uap: “Tutele o ci sentiremo liberi di vendere medicine”

0

(Adnkronos) – L'Unione nazionale ambulatori, poliambulatori, enti e ospedalità privata "Uap chiede una tutela adeguata per la vera medicina di territorio, per fornire un servizio a 360 gradi. Diversamente, si riterrà libera di poter commercializzare farmaci all'interno delle strutture sanitarie medesime e di adottare le medesime procedure richieste alle farmacie". La realtà "rappresentativa di tutte le 18 associazioni di categoria delle oltre 95mila strutture sanitarie presenti sul territorio, attraverso ambulatori, poliambulatori, ospedalità privata autorizzata e ospedalità religiosa", torna all'attacco in occasione della riunione delle Farmacieunite che si è tenuta in Emilia Romagna, occasione in cui "la lobby farmaceutica – scrive la Uap in una nota – è riuscita ad ottenere lo stanziamento di fondi alle farmacie per erogare servizi sanitari, sottraendoli alle strutture sanitarie private autorizzate e private convenzionate, che costituiscono la vera sanità di territorio". "Il paradosso a cui stiamo assistendo – ribadisce la Uap – è proprio quello di vedere che vengono stanziati fondi per strutture in possesso di una mera autorizzazione comunale alla commercializzazione di prodotti, ma che sono prive dei 420 requisiti richiesti dal D.Lgs. n. 502/1992 a tutela della salute dei cittadini. E' evidente – si legge – il mancato rispetto del principio di uguaglianza costituzionalmente sancito all'art. 3, che da un lato consente alle farmacie di erogare prestazioni sanitarie senza il possesso dei requisiti richiesti agli ambulatori, poliambulatori autorizzati privati e autorizzati convenzionati, cliniche e ospedalità pubblica e privata autorizzata, in totale violazione del D.Lgs. n. 502/1992 e del Regio Decreto del 1934, e dall'altro non autorizza questi ultimi a vendere farmaci. Questa modalità operativa del Governo fa pensare che non tutti abbiamo piena libertà, ma che ci troviamo in pieno Far West, dove viene garantita non già la sanità dei cittadini, ma la possibilità di guadagni economici". —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Agricoltura, Gruppo Davines proroga candidature ‘The Good Farmer Award 2024’

0

(Adnkronos) – – Il Gruppo Davines – azienda attiva nel settore della cosmetica professionale con i marchi per l’haircare Davines e per lo skincare [ comfort zone ], certificata B Corp dal 2016 – comunica la proroga per le candidature alla prima edizione del Premio The Good Farmer Award 2024. Il premio nasce su iniziativa del Gruppo Davines in collaborazione con la Fondazione per lo sviluppo sostenibile, autorevole centro studi sulla green economy in Italia. L’iniziativa è la prima in Italia che premia i giovani agricoltori che abbiano già avviato progetti ispirati ai principi fondamentali dell’agricoltura biologica rigenerativa e dell’agroecologia. Gli agricoltori under 35, titolari dell’azienda o appartenenti alla famiglia imprenditoriale che la guida, potranno presentare il proprio progetto entro le ore 18 del 10 settembre 2024 compilando il modulo sul sito https://davinesgroup.com/il-nostro-impatto/percorsi/the-good-farmer-award. La candidatura al Premio è gratuita e una Commissione di esperti selezionerà i due progetti più innovativi e avanzati. I due vincitori riceveranno dal Gruppo Davines 10.000 euro ciascuno per l’acquisto del materiale e per interventi finalizzati a migliorare e sviluppare le pratiche agroecologiche già avviate. La cerimonia di premiazione si terrà il 27 Novembre 2024 al Davines Group Village di Parma. Requisiti necessari per accedere al bando sono l’avere ottenuto una certificazione biologica e applicare i principi dell’agricoltura biologica rigenerativa e dell’agroecologia. In particolare gli agricoltori coinvolti e le loro aziende agricole dovranno dimostrare di utilizzare almeno 3 tra le strategie e le pratiche di agricoltura biologica rigenerativa e agroecologia identificate dal bando, tra cui la rotazione colturale, il minimo disturbo del suolo, l’utilizzo di fertilizzanti organici, la coltivazione di alberi associata a campi seminativi o a pascoli, l’uso di colture di copertura come le leguminose e la pacciamatura del terreno (ossia la copertura del terreno con materiale organico come paglia o foglie). L’obiettivo del Premio è di contribuire alla diffusione di una nuova cultura di produzione agricola, che sostenga la transizione ecologica delle filiere agroalimentari ma non solo. L’agricoltura biologica rigenerativa va oltre il concetto di sostenibilità perché non solo limita gli impatti ambientali negativi generati dall’agricoltura industriale ma è in grado di ripristinare e rigenerare gli ecosistemi danneggiati con pratiche e interventi che sequestrano carbonio dall’atmosfera, riducono l'inquinamento dei suoli e delle acque e contribuiscono alla mitigazione del cambiamento climatico. Il punto di partenza è la salute del suolo che influisce su quella delle piante, del cibo che mangiamo e del Pianeta. Il termine agricoltura biologica rigenerativa è nato negli anni '80 grazie al Rodale Institute, un istituto di ricerca statunitense senza scopo di lucro; molte delle pratiche rigenerative come le colture di copertura e il compostaggio fanno parte della gestione dell'azienda agricola da generazioni con l'obiettivo finale di aumentare la sostanza organica nel suolo. L’agricoltura biologica rigenerativa richiede un cambio di paradigma nel modello di produzione agricola industriale e si basa su bisogni urgenti e oggettivi: più del 60% dei suoli europei non è in salute e non è in grado di fornire adeguatamente servizi ecosistemici essenziali per l’uomo. In Italia la percentuale è del 47% e tra i problemi principali c'è l'erosione dovuta soprattutto alla perdita di copertura vegetale (fonte: Re Soil Foundation, 2023).L’ erosione a sua volta causa l'emissione di CO2 in atmosfera, contribuendo al cambiamento climatico e alla perdita di carbonio, che dal suolo passa all’atmosfera (in alcune zone d'Italia la percentuale di carbonio nel suolo è al di sotto dell'1%).  Davines Group da circa 20 anni ha integrato la sostenibilità e l’impegno per l’ambiente nel suo modello di business, un approccio pionieristico a cui negli ultimi anni si è aggiunto l’obiettivo di realizzare un percorso di crescita rigenerativa. Su queste basi nel 2022 il Gruppo Davines ha creato in collaborazione con il Rodale Institute, presso il Davines Group Village di Parma, EROC (European Regenerative Organic Center): 17 ettari e un team dedicato di agronomi e di esperti per il primo centro europeo di formazione e ricerca sull’agricoltura biologica rigenerativa legata alle filiere per la produzione di piante alimentari, tessili e officinali.  “Contribuire a diffondere un modello di crescita rigenerativa è una sfida ambiziosa in cui crediamo molto. L’agricoltura biologica rigenerativa è una parte importante di questo nuovo modo di essere sostenibili, in cui non basta più mitigare i nostri impatti negativi sull’ambiente ma bisogna andare oltre, contribuendo attivamente a ripristinare le risorse del Pianeta”, ha commentato Davide Bollati, Presidente del Gruppo Davines. “Siamo partiti da EROC e da due anni facciamo formazione e ricerca per l’agricoltura biologica rigenerativa. Questo Premio rappresenta per noi la naturale evoluzione di questo percorso. Ci rivolgiamo in particolare ai giovani agricoltori perché siamo convinti che questo cambio di paradigma sia già in atto nelle nuove generazioni e perché crediamo nella loro capacità di essere i motori di questo cambiamento”.  A esaminare i progetti candidati sarà la Commissione giudicatrice del Premio, composta da sei membri fra professori universitari ed esperti in temi di agricoltura, agroecologia e sostenibilità, tra i quali il Presidente di giuria Edo Ronchi, Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. “Per mantenere e migliorare la fertilità e per aumentare l'accumulo di carbonio organico nel suolo – ha dichiarato Edo Ronchi – nonché per migliorare la capacità di adattamento sia alla siccità che alle bombe d’acqua, è utile implementare, sperimentare e sviluppare tecniche rigenerative di coltivazione e gestione dei suoli che ne aumentino i contenuti di sostanze organiche e di biodiversità”  —sostenibilitawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Siesta, memory game e meno Google, consigli salva-cervello da esperto Ai

0

(Adnkronos) – Prima regola: non passare le giornate a fare 'scrolling' sullo schermo dello smartphone, non affidarsi anima e corpo all'oracolo Google per ogni informazione di cui si ha bisogno. Piuttosto, meglio investire tempo in una siesta pomeridiana che fa bene al cervello più degli onniscienti motori di ricerca. Sono i consigli di una persona che di reti neurali, tecnologie e soprattutto intelligenza artificiale se ne intende. Nel giorno in cui si celebra il World Brain Day, l'accademico canadese Mohamed I. Elmasry condivide una sorta di 'check list' per capire se stiamo facendo le mosse giuste per ridurre il rischio di demenza senile: allenando adeguatamente il cervello invece di cercare tutto su Google, per esempio. E' questo il primo 'comandamento'.  Altra massima: fare riposini diurni regolari, perché – assicura nel suo libro appena dato alle stampe, 'iMind: Artificial and Real Intelligence' – può aumentare le probabilità di un invecchiamento sano. Nell'elenco amico della mente figurano semplici abitudini quotidiane (come la cosiddetta pennichella, appunto), allenamenti per la memoria, consigli come non usare lo smartphone. Elmasry evidenzia che oggi l'attenzione si è spostata troppo lontano dall'intelligenza 'Ri' (la Real Intelligence, cioè l'intelligenza naturale o reale) a favore dell'Ai, della macchina. Ma, fa notare, se "la durata di vita utile degli smartphone attuali è di circa 10 anni, una mente sana all'interno di un corpo sano può vivere per 100 anni o più". E l'invito è quindi a nutrirla perché la mente, come gli smartphone, ha 'hardware', 'software' e 'App', ma è molte volte più potente e durerà molto più a lungo con la giusta cura. Esperto di fama internazionale nella progettazione di microchip e intelligenza artificiale, Elmasry è stato ispirato a scrivere il libro dopo la morte del cognato, affetto da Alzheimer, e di altre persone a lui molto care, tra cui la madre, affette da altre forme di demenza. Sebbene affermi che i dispositivi smart stiano "diventando sempre più intelligenti", lo scienziato sostiene che nessuno si avvicina a "duplicare la capacità, la capacità di archiviazione, la longevità, l'efficienza energetica o le capacità di autoguarigione del cervello umano originale". "Il vostro cervello-mente è il bene di maggior valore che avete o che avrete mai – è il messaggio che lancia su iMind – Aumentate il potenziale e la longevità prendendovene cura fin da piccoli, mantenendolo sano in modo che possa continuare a svilupparsi". Elmasry entra nel concreto: "Gli esseri umani possono sviluppare e testare intenzionalmente la propria memoria giocando a 'giochi cerebrali' o eseguendo esercizi giornalieri per la mente". Mentre "non si può esercitare la memoria del proprio smartphone per farla durare più a lungo o incoraggiarla a funzionare a un livello superiore". Nel suo libro, il professore racconta un aneddoto sui suoi nipoti, i quali hanno dovuto usare il motore di ricerca dei loro smartphone per dare un nome alla capitale di Cuba, dopo aver trascorso una settimana nel Paese con i loro genitori. La storia ha una morale: illustra – spiega – come i giovani siano arrivati ​​a fare affidamento sulle App Ai per smartphone invece di usare la loro vera intelligenza. "Una memoria sana va di pari passo con la vera intelligenza. La nostra memoria semplicemente non può raggiungere il suo pieno potenziale senza la Real Intelligence".  Il libro di Elmasry include approfondimenti sulla storia della progettazione dei microchip, dell'apprendimento automatico e dell'intelligenza artificiale, nonché sul loro ruolo negli smartphone e in altre tecnologie. Il libro spiega anche come funzionano realmente sia l'intelligenza artificiale che quella umana, e come la funzione cerebrale collega la mente e la memoria. Confronta la mente umana e la funzione cerebrale con quella degli smartphone, di ChatGpt e altri sistemi basati sull'Ai. Basandosi su una vasta ricerca esistente, affronta poi l'attuale controversia sull'intelligenza artificiale e punta a ispirare i ricercatori a trovare nuovi trattamenti per l'Alzheimer, altre malattie neurodegenerative e il cancro. Lo scienziato sostiene che l'Ai attuale o persino quella che è stata pianificata per il futuro non può eguagliare le capacità di cervello-mente umani in termini di velocità, accuratezza, capacità di archiviazione e altre funzioni. L'invecchiamento sano, osserva, è dunque importante quanto il cambiamento climatico, ma non attrae neanche una frazione della pubblicità.  Pertanto Elmasry chiede ai decisori politici di adottare una serie di riforme chiave per promuovere l'invecchiamento sano. Tra questi cambiamenti, suggerisce che le sale bingo potrebbero passare dalla loro funzione di intrattenimento sedentario a centri di apprendimento attivi e stimolanti. Quanto ai consigli pratici per le persone, oltre al pisolino che rinfresca la memoria e altre funzioni cerebrali e corporee, l'esperto offre anche una serie di indicazioni concrete per potenziare le capacità cerebrali e l'intelligenza reale. Tra queste rientra la creazione di una memoria 'associativa': il "dizionario di significato" del cervello, in cui si associano nuove informazioni a ciò che già si sa. Il suggerimento è poi: provare a leggere un libro ad alta voce, usando tutti i propri sensi invece di andare in modalità pilota automatico, e trasformare gli incontri quotidiani in esperienze vissute appieno. Altre tecniche includono l'integrazione di un giorno di vero riposo nella settimana, la revisione del proprio stile di vita già a partire dai 20 o 30 anni, l'adozione di una dieta sana e l'eliminazione o la radicale moderazione del consumo di alcol per ridurre il rischio di demenza. —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Napoli, incendio a Fuorigrotta: colonne di fumo nero, evacuata l’università

0

(Adnkronos) – Colonne di fumo nero nel quartiere Fuorigrotta, zona occidentale di Napoli, dove poco fa c'è stato un incendio, con parte della vegetazione andata a fuoco nei pressi dell'università Monte Sant'Angelo. Il rogo sarebbe stato determinato dalla combustione di alcuni pneumatici stipati in un'area agricola privata, come rivela una nota dell'Arma dei Carabinieri. Al momento non si segnalano feriti e neppure l'interessamento del rogo alle strutture dell'Università Federico II, ma l'ateneo è stato evacuato. Le fiamme non hanno interessato i tralicci dell’alta tensione, sono sotto controllo da parte dei Vigili del Fuoco, i quali hanno richiesto l’intervento aereo per lo spegnimento delle fiamme non altrimenti raggiungibili. Non risultano feriti. —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Cede giostra a Gallipoli, feriti 4 ragazzini: tragedia sfiorata al lunapark

0

(Adnkronos) – Poteva diventare una tragedia l'incidente di ieri sera alla giostra di Gallipoli, nel quale sono rimasti feriti non in modo grave quattro ragazzini. Secondo le news di oggi, l'attrazione a seggiolini, più nota come 'calcinculo' è stata sequestrata dal pubblico ministero Donatina Buffelli della Procura della Repubblica di Lecce. Sul caso indagano gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Gallipoli.    A cedere sarebbe stato il palo in ferro al quale è appeso un pallone che i partecipanti devono cercare di acciuffare mentre la giostra gira in velocità. I ragazzini hanno riportato contusioni ma non fratture e sono stati tutti dimessi.  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Content creator, tra portfolio e social media ecco 5 consigli

0

(Adnkronos) – Secondo un’analisi di Goldman Sachs il valore di mercato della creator economy potrebbe crescere fino a raggiungere i 480 miliardi di dollari entro il 2027, raddoppiando così la sua attuale valutazione. Dal 2024 in poi si assisterà ad una progressiva trasformazione dei content creator che raggiungeranno nuovi orizzonti di professionalizzazione. Nel settore dei fotografi e content creator la concorrenza sarà sempre più alta e secondo Roberto Zampino, fotografo professionista, business coach e fondatore della community e corso online Unstoppable Photographers, riuscirà a distinguersi chi imparerà a presentarsi il meglio possibile. 
Come trovare i primi clienti se si parte da zero: ecco i 5 consigli di Roberto Zampino, fotografo professionista e business coach 
Trovare la propria nicchia ma non rimanerne incastrati. Come in tutti i settori, anche nel mondo della fotografia e della content creation esistono tantissime sfumature. Specializzarsi in una tipologia di fotografia (che sia matrimonialista, naturalistica, ritrattistica ecc) permetterà di distinguersi nel mercato e attirare clienti interessati proprio a quello stile o servizio. Ma allo stesso tempo è necessario sfatare il mito della mono nicchia: un fotografo, creator, social media manager può benissimo spaziare tra più nicchie. Una volta diventati bravi in quella fetta di mercato ci si potrà aprire ad altre nicchie. “La mia esperienza è cominciata facendo il fotografo ai matrimoni poi mi sono specializzato nelle case vacanza di lusso, passando anche per il settore commerciale, extreme sport e ritratti. Il segreto è riuscire a lasciare il proprio stile e adattarlo alle esigenze del settore o del cliente per cui si lavora”, spiega Zampino.  
Costruire un portfolio che sappia parlare al cliente. Il portfolio è un potente biglietto da visita. Per renderlo il più efficace possibile è necessario che mostri il meglio del proprio lavoro e parli alla nicchia che si vuole raggiungere. Un portfolio online accessibile e professionale può aiutare a raggiungere un pubblico più ampio. Inoltre, il portfolio deve essere nicchia-centrica e non fotografo-centrico: non serve inserire troppe foto e rischiare di annoiare il proprio pubblico, ma analizzare ogni scatto con attenzione e criterio commerciale.  
Utilizzare i social media non per vantarsi. I social media sono strumenti potenti per costruire il proprio marchio e connettersi con potenziali clienti. Per questo è necessario scegliere le piattaforme che meglio si adattano al proprio target e pubblicare contenuti di qualità con una certa regolarità. L'engagement con la propria community social è cruciale ma allo stesso non serve a nulla dare peso alle metriche di vanità (ovvero like e commenti): i social devo essere un megafono per la propria nicchia e non un modo per vantarsi. Il trucco è creare un profilo che parli ai clienti e non ad altri creator o fotografi. Networking e collaborazioni. Non sottovalutare il potere del networking. Partecipare a eventi del settore, workshop, masterclass e fare volontariato in progetti che permettono di incontrare altri professionisti e potenziali clienti è molto utile. Le collaborazioni con altri creativi possono anche offrire opportunità di apprendimento e visibilità. 
Continuare a formarsi e sperimentare. Il mondo della fotografia e della content creation è in costante evoluzione. Rimanere aggiornati sulle ultime tendenze, tecnologie e tecniche è fondamentale e sperimentare nuovi stili e tecniche non solo aiuta a crescere come artista ma potrebbe anche aprire nuove porte commerciali. Ma se si vuole trasformare la propria passione in un lavoro serve formarsi per imparare a vedere: si tratta di una competenza che va acquisita subito, non lasciata all’esperienza.  Nascondersi dietro le scuse del “non so vendermi” o mi vergogno è un’occasione persa. “Penso che la condivisione delle proprie competenze sia il modo migliore per vivere una passione, che nel mio caso è diventata un lavoro. Il corso com’è organizzato oggi è esattamente ciò che sarebbe servito a me all’inizio della mia attività. Sono tantissime le persone che lavorano nel mondo della fotografia e della creator economy: ciò non deve rappresentare un ostacolo ma un incentivo in più, perché significa che il mercato ha molto potenziale. Serve però capire qual è la propria nicchia e imparare a 'vendersi', aspetti su cui insisto molto nel mio corso”, aggiunge Zampino.  Strutturato come un corso online, Unstoppable Photographers offre una formazione pratica aiutando gli studenti a migliorare non solo le loro abilità tecniche ma anche a sviluppare una solida base di conoscenze nel campo del business fotografico e della content creation. Presentandosi come un incubatore di talenti, Unstoppable Photographers ha da poco superato i 1000 studenti iscritti e nei prossimi mesi l’obiettivo di Roberto è esportare lo stesso format anche all’estero, partendo da Inghilterra e Spagna, e puntare all’internazionalizzazione del proprio servizio. —lavorowebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Fnm, nasce Academy del gruppo per migliorare conoscenze su trasporti e mobilità

0

(Adnkronos) – Trasmettere conoscenze, migliorare competenze e contribuire allo sviluppo professionale delle persone coinvolte nel settore dei trasporti e della mobilità. Nasce con questi obiettivi Fnm Academy, la corporate university a cui ha dato vita il gruppo Fnm. "Si tratta – spiega una nota – di un campus aperto che vuole rafforzare il patrimonio di sapere che il gruppo ha accumulato nel corso degli anni e renderlo disponibile, oltre che ai propri dipendenti, anche agli stakeholder esterni come le associazioni di categoria e gli ordini professionali". A questo scopo sono già state sottoscritte due convenzioni con gli Ordini degli ingegneri e degli architetti della provincia di Milano per collaborare all’organizzazione di eventi congiunti di formazione, che possano anche rilasciare crediti formativi. Il calendario delle attività, in corso di definizione, potrà prevedere corsi, seminari, workshop, convegni o altri tipi di incontri, in aula fisica o virtuale (webinar, streaming, e-learning, etc.). “Con questo progetto – spiega il presidente di Fnm Andrea Gibelli – vogliamo condividere le competenze tecniche e manageriali già presenti nelle aziende del gruppo, attraverso la diffusione e il radicamento all’esterno, contribuire al grande mercato delle conoscenze, diventare interlocutore affidabile e autorevole su questioni aperte, progetti complessi, obiettivi industriali raggiunti o da raggiungere, anche in dialogo con le associazioni di categoria e le altre corporate university italiane e internazionali". “Fnm Academy – sottolinea il direttore generale di Fnm Marco Piuri – vuole creare una piattaforma che permetta di coniugare la teoria con la pratica, la riflessione con l'azione. Oggi, oltre a guardare alle necessità attuali, si pongono le basi per affrontare le sfide del domani nel mondo della mobilità con l’impegno a creare sia opportunità di crescita concreta per i dipendenti sia momenti di dialogo aperto intorno alle tematiche emergenti del settore”. —economiawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Biden, 24 giorni per resistere e 48 ore per ritiro storico: la scelta del presidente

0

(Adnkronos) –
Ventiquattro giorni di strenua lotta politica per Joe Biden, per cercare di dimostrare che ''una brutta serata capita a tutti'', come aveva detto ''l'amico e alleato'' Barack Obama, e che dopo il disastroso flop nel dibattito tv con Donald Trump era ancora il candidato migliore per batterlo. Quarantotto ore per prendere una scelta che passerà alla storia, perché nessun presidente americano aveva prima d'ora abbandonato la corsa alla Casa Bianca in un momento tanto vicino al giorno delle elezioni, 107 giorni prima del voto. Isolato nella sua casa a Rehoboth Beach nel Delaware dopo aver contratto il Covid, Biden ha ceduto ai leader del suo partito, ai donatori e anche ai sondaggi che dimostravano un divario crescente rispetto a Trump. Si è consultato con la sua famiglia e con i suoi principali consiglieri e, in 48 ore, ha deciso. "Credo che sia nel migliore interesse del mio partito e del Paese che io mi faccia da parte", ha detto Biden in un colloquio sabato sera con i suoi più stretti collaboratori, Mike Donilon e Steve Ricchetti, facendo eco a quanto gli era stato chiesto, pubblicamente e no, da sempre più rappresentanti democratici nelle ultime settimane. Insieme a loro, ''fino a notte fonda'' come scrive il New York Times, Biden ha scritto la lettera in cui ha annunciato che non si sarebbe ricandidato alla Casa Bianca e che la famiglia e i suoi stretti collaboratori pensavano sarebbe stata diffusa proprio sabato. Ma poi la sua vice, Kamala Harris, è stata avvisata solo il giorno dopo, domenica, della decisione di Biden. E la maggior parte dello staff della campagna presidenziale democratica è stata avvisata letteralmente ''60 secondi'' prima della condivisione della lettera di Biden su 'X'. Tanto che, scrive il Times, 30 minuti prima che venisse fatto lo storico annuncio lo staff della rielezione di Biden era impegnato a chiamare i delegati, chiedendo di esprimere pubblicamente il loro sostegno al presidente. Anche una delle sue più strette consigliere per le comunicazioni, Anita Dunn, è rimasta all'oscuro della decisione di Biden fino a pochi minuti prima che la lettera venisse condivisa. Lei che, insieme al marito Bob Bauer, si era occupata di preparare il dibattito del presidente con Trump e aveva dovuto affrontare l'ira della famiglia dopo la performance disastrosa di Atlanta. Intanto, lontano da eventi pubblici causa Covid, Biden "non si è trincerato" ma ha analizzato i dati e si è convinto che la sua candidatura avrebbe reso più difficile sconfiggere Trump. Secondo quanto dichiarato alla Cnn da un alto funzionario della Casa Bianca, la decisione di Biden non ha nulla a che fare con questioni mediche. Piuttosto, durante la conversazione di sabato con i suoi due più stretti consiglieri, quello che è stato chiaro a Biden è che, dai sondaggi e dalla posizione dei principali esponenti democratici, la possibilità di vittoria era "praticamente inesistente", come ha riferito un'altra fonte alla Cnn. Ma non c'è stato un sondaggio in particolare, nessun democratico indeciso o raccolta fondi che abbia spinto Biden a prendere questa decisione.  A differenza del 2015, quando Donilon disse all'allora vicepresidente Biden che non avrebbe dovuto candidarsi alla presidenza nel 2016 perché in lutto per la morte del figlio Beau, questa volta nessuno dei due collaboratori gli ha detto esplicitamente di ritirarsi dalla corsa, spiega la fonte citata dalla Cnn. E' stato proprio il presidente a comunicare la sua decisione, prima della fine del colloquio, e a istruire i due su come comunicarla. Prima di dirlo ai consiglieri, Biden ha tenuto una riunione di famiglia sabato sera e ha comunicato ai suoi affetti più cari la decisione di ritirarsi dalla corsa. Sua figlia Ashley e il genero Howard sono andati a Rehoboth domenica mattina, secondo una fonte. A loro ha confermato la decisione, con Ricchetti al suo fianco, e ha iniziato a telefonare ai leader Dem. Biden e Harris hanno parlato più volte domenica al telefono prima del suo annuncio, secondo una fonte ben informata. Il presidente americano ha anche avuto conversazioni telefoniche separate con il capo dello staff Jeff Zients e la co-presidente della campagna Jen O'Malley Dillon, informando entrambi della sua decisione. Dando così inizio a una nuova era che, come scrive Politico, è piena di ''speranza e paura''. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Tumori, oncologa D’Auria: “Dragon Boat importante per donne operate al seno”

0

(Adnkronos) – "Il Dragon Boat storicamente è stata un'attività centrata sull'importanza dell'attività dei cingoli scapolari per la prevenzione del linfedema e la riabilitazione delle donne operate al seno e sul gioco di squadra che crea l'associazionismo, fondamentale per il miglioramento delle possibilità di cura che noi offriamo alle donne". Così Giuliana D'Auria, oncologa presso l'Azienda sanitaria locale Roma 2 (Asl Rm2), spiega l'importanza del CardioBreast Dragon Boat Festival che si è svolto a Roma, presso il laghetto dell'Eur. Si tratta per l'oncologa di "un evento fondamentale" centrato "sulla prevenzione, fondamentale per quanto riguarda il tumore della mammella, e sull'attività fisica, per quanto riguarda il percorso di guarigione e riabilitazione delle donne operate al seno". La manifestazione, che coniuga sport e sensibilizzazione, è promossa dall'Istituto nazionale ricerche cardiovascolari (Inrc) con la collaborazione della Federazione italiana Dragon Boat (Fidb) e il contributo incondizionato di Daiichi Sankyo Italia, e vede la partecipazione delle Breast Cancer Paddlers (le pagaiatrici in rosa) che gareggiano amichevolmente in tutta Italia per promuovere la prevenzione di malattie cardiovascolari e oncologiche. Entro ottobre l'iniziativa, nata nel 2022, porterà i suoi messaggi di prevenzione e sostegno alle pazienti con patologie oncologiche in altre tre regioni italiane: Piemonte (Torino), Toscana (Firenze) e Sicilia (Palermo). —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Tumori, De Lucia (Fidb): “Dragon Boat come rinascita per le donne operate al seno”

0

(Adnkronos) – Le donne operate di tumore al seno "hanno trovato, all'interno di questo sport, la motivazione per esprimere la rinascita. Si tratta di un atto di consapevolezza. Nella Federazione sempre, in ogni manifestazione, ci sono le donne", le Breast Cancer Paddlers, "perché danno veramente colore, danno energia e fanno riflettere". Ci aiutano a "trovare insieme uno spunto per andare avanti. Stare a casa, non essere attivi, non ci aiuta a superare non solo dal punto di vista psicologico, ma anche dal punto di vista fisico" la malattia, "perché l'attività motoria è una sorta di strumento terapeutico, una sorta di farmaco". Lo ha detto, Antonio De Lucia, presidente della Federazione italiana Dragon Boat (Fidb), inaugurando a Roma, presso il laghetto dell'Eur, la terza edizione del CardioBreast Dragon Boat Festival, la gara amichevole tra squadre di Dragon Boat femminili a cui partecipano le donne operate di tumore al seno (Breast Cancer Paddlers) che, al termine dell'esibizione, condividono le loro esperienze di vita e sportive.  La manifestazione, promossa dall'Istituto nazionale ricerche cardiovascolari (Inrc) con la collaborazione di Fidb e il contributo incondizionato di Daiichi Sankyo Italia, ha visto il crescente supporto di numerose associazioni di pazienti con malattie cardiovascolari e oncologiche. —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)