Il vino italiano tiene in Germania, ma il mercato tedesco guarda all’online

0
5

Il mercato del vino tedesco è strategico per le cantine italiane, che in questo periodo guardano anche con una certa apprensione agli sviluppi delle vendite all’estero. Secondo i dell’Osservatorio Spagnolo del Vino, nel semestre 2020, le importazioni in Germania sono diminuite del 7,6% in valore sul 2019, a 1,1 miliardi di euro, con l’Italia che fa decisamente meglio del complesso, e tiene le sue posizioni di leadership, con un calo del -1,3%, per 453 milioni di euro. Nel contempo i tedeschi stanno sempre più guardando all’e-commerce. Tanto che, secondo i dati dell’agenzia inglese Wine Intelligence, la percentuale dei consumatori di vino abituali che comprano prevalentemente sui canali digitali della Gdo è passata dal 9% del 2017 al 12% del 2020, quella di chi acquistava vino in più tipi di negozio è salita dal 23% al 29%, e quella di chi si rivolge prevalentemente a negozi specializzati o direttamente alle cantine è salita dal 23% al 26%.
Un trend che dice di come il cambiamento è in moto, ed a cui guarda anche chi si occupa di distribuzione di vino. Attività in cui a fare la differenza saranno sempre più il servizio e dall’innovazione.